Inps: scompare il Pin dispositivo per accedere ai servizi

18 Luglio 2020 | Autore:
Inps: scompare il Pin dispositivo per accedere ai servizi

Dal 1° ottobre non verrà più rilasciato il codice per accedere ai servizi online dell’Istituto. Ci vorrà lo Spid dopo una fase intermedia.

Addio al codice Pin dell’Inps per accedere ai servizi online dell’Istituto. Dal 1° ottobre, questa chiave di accesso personale non verrà più rilasciata: dovrà essere il cittadino a dotarsi di Spid, il sistema pubblico di identità digitale.

L’annuncio arriva da una comunicazione dello stesso Inps, appena pubblicata. In pratica, dall’inizio di ottobre non sarà più possibile chiedere il codice identificativo personale, ovvero il Pin dispositivo, finora utilizzato per avere accesso ai servizi che l’Istituto mette a disposizione sul proprio sito come, ad esempio, la richiesta di un sostegno al reddito, la verifica della propria pensione, degli assegni familiari, ecc.

Ciò non significa che dal 1° ottobre chi non ha le credenziali Spid non potrà consultare la propria pagina sul sito dell’Inps. Ci sarà una fase transitoria, una sorta di switch off, come succede con il passaggio ad un nuovo segnale televisivo. In quel periodo, la cui durata deve essere ancora definita, si potrà ancora accedere ai servizi online con il Pin, ma non si potrà più chiederne uno nuovo. A meno che la richiesta arrivi da chi non può avere uno Spid. Dopodiché, nella data che verrà a suo tempo indicata, l’accesso sarà limitato ai soli cittadini che possiedono il sistema di identificazione digitale, lo Spid, appunto.

Questo passaggio, secondo l’Inps, è stato deciso «in considerazione degli evidenti vantaggi a favore sia delle politiche nazionali di digitalizzazione sia del diritto dei cittadini alla semplificazione del rapporto con la pubblica Amministrazione».

Va ricordato che il sistema di identificazione digitale (leggi “come si fa e quanto costa“) permette di interagire non solo con l’Inps, ma con l’intero sistema della Pubblica Amministrazione e con i soggetti privati aderenti.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube