Diritto e Fisco | Articoli

Sostituzione carta d’identità per deterioramento

20 Luglio 2020 | Autore:
Sostituzione carta d’identità per deterioramento

Carta d’identità cartacea ed elettronica: differenze. Come ottenere un duplicato in caso di deterioramento del documento d’identità?

La carta d’identità è quel documento che serve per riconoscere il titolare mediante le indicazioni in esso riportate: nome, cognome, data di nascita, residenza. Insomma: la carta d’identità fornisce le informazioni principali riguardanti una certa persona. Trattandosi di un documento, è possibile che esso possa deteriorarsi, soprattutto tenendo conto che la sua validità è decennale; in altre parole, occorre tenerlo con sé per almeno dieci anni prima di rinnovarlo. È possibile chiedere la sostituzione della carta d’identità per deterioramento?

La legge prevede questa procedura nei casi in cui il documento originario presenti dei danni a causa dell’usura oppure dell’influenza di condizioni esterne (pensa alla pioggia che sia caduta copiosa sulla carta). Poiché il documento di riconoscimento svolge una funzione essenziale, è opportuno che si proceda immediatamente alla sostituzione della carta d’identità che non sia più in grado di assolvere al suo compito. Vediamo dunque come funziona la procedura di rilascio del duplicato della carta d’identità e a quali condizioni è possibile accedervi, anche in riferimento alla nuova carta d’identità elettronica.

Carta d’identità: cos’è?

Per legge [1], la carta di identità costituisce mezzo di identificazione personale. Essa è rilasciata dal Comune di residenza e deve contenere:

  • la fotografia, a mezzo busto, senza cappello, del titolare;
  • il numero progressivo;
  • il timbro a secco;
  • la firma;
  • l’indicazione delle generalità e dei connotati salienti del titolare.

In ogni caso, la carta d’identità deve essere rilasciata dopo rigorosi accertamenti sull’identità della persona richiedente, da eseguirsi, ove sia necessario, a mezzo degli organi di polizia.

Quando la carta è richiesta da stranieri, deve essere indicata la cittadinanza del richiedente.

Carta d’identità elettronica: cos’è?

La tradizionale carta d’identità cartacea è stata sostituita dalla carta d’identità elettronica, avente le dimensioni di una comune tessera (come quella della patente, per intenderci), riportante, oltre alle indicazioni sopra ricordate, anche il codice fiscale del richiedente.

Dunque, oggi colui che chiede il rilascio della carta d’identità otterrà il documento in formato tessera plastificata, decisamente molto più resistente a qualsiasi deterioramento.

Per essere ancora più precisi, la carta d’identità elettronica (cosiddetta Cie) ha le dimensioni di un bancomat ed è costituita da:

  • un supporto di materiale plastico in policarbonato, su cui sono stampati a laser la foto e i dati del cittadino, protetti con elementi e tecniche di anticontraffazione, come ologrammi e inchiostri speciali;
  • un microchip contactless che contiene: i dati personali, la foto e le impronte del titolare, protetti da meccanismi che ne prevengono la contraffazione e la lettura impropria; le informazioni per consentire l’autenticazione in rete da parte del cittadino a servizi erogati in rete da pubbliche amministrazioni e imprese; ulteriori dati per la fruizione di servizi a valore aggiunto, in Italia e in Europa.

La carta d’identità cartacea viene rilasciata solo in casi di reale e documentata urgenza segnalati dal richiedente per motivi di:

  • salute;
  • viaggio;
  • consultazione elettorale;
  • partecipazione a concorsi o gare pubbliche.

L’urgenza giustifica l’emissione immediata del documento cartaceo, cosa che non potrebbe essere garantita per il rilascio della carta d’identità elettronica, per il quale occorre del tempo.

La carta d’identità in formato cartaceo potrà essere rilasciata anche nel caso in cui il cittadino sia iscritto nell’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (Aire).

Deterioramento carta identità: cosa si intende?

Per deterioramento si intende il danneggiamento del documento, dovuto in genere all’usura causata dal tempo e/o dall’utilizzo, tale da implicare la parziale o totale impossibilità di utilizzazione dello stesso.

Il deterioramento costituisce pertanto una sorta di “consumazione” del documento, non per forza attribuibile alla negligenza di chi lo possiede e lo utilizza. Classico esempio di deterioramento è, ad esempio, quello delle banconote cartacee.

Orbene, è chiaro che il deterioramento colpirà maggiormente la carta d’identità cartacea rispetto a quella elettronica; tuttavia, nulla esclude che anche quest’ultima possa subire un procedimento di degradazione accelerato, tanto da rendersi necessaria una sostituzione.

Il problema del deterioramento della carta d’identità si pone nel momento in cui esso non è più idoneo ad assolvere alle proprie funzioni, cioè ad identificare il proprio titolare. Pensa ad esempio alla foto, non più riconoscibile a causa dell’usura. Cosa fare in questi casi? Come procedere alla sostituzione della carta d’identità per deterioramento?

Carta identità: come sostituirla per deterioramento?

In caso di deterioramento della carta d’identità può essere richiesto un duplicato. Per ottenere il duplicato è necessario recarsi presso l’ufficio anagrafe del proprio Comune e portare con sé:

  • la carta d’identità deteriorata o, in alternativa, una denuncia di deterioramento rilasciata dall’Autorità di pubblica sicurezza;
  • tre fotografie in cartaceo formato tessera a colori o in bianco e nero, uguali e recenti, a mezzo busto col capo scoperto (ad eccezione dei casi in cui la copertura sia imposta da motivi religiosi, purché il viso sia ben visibile);
  • un valido documento di riconoscimento (ad esempio, la tessera sanitaria).

La carta d’identità cartacea viene rilasciata immediatamente; la carta d’identità elettronica, invece, viene consegnata entro una settimana dalla data di richiesta, tramite lettera raccomandata spedita all’indirizzo indicato dal richiedente. È possibile anche il ritiro presso l’ufficio anagrafe di emissione, da effettuarsi di persona oppure delegando per iscritto qualcun altro.

Costo sostituzione carta identità per deterioramento

Il rilascio di un duplicato della carta d’identità per via del deterioramento della precedente ha un costo, fissato in 22,21 euro per le spese di emissione e 5,16 euro per il diritto fisso.


note

[1] Artt. 288 ss. r.d. n. 635/1940.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube