Diritto e Fisco | Articoli

7 cose che devi sapere se fai un falò

20 Luglio 2020
7 cose che devi sapere se fai un falò

Dal fumo alla musica, dall’alcol all’incendio: tutti i rischi penali e amministrativi di chi fa baldoria sulla spiaggia d’estate.

Una delle ragioni per cui 11 mesi all’anno si attende l’arrivo dell’estate sono i falò sulla spiaggia, da molti visti come una sorta di finestre sul tempo, una sospensione di qualsiasi obbligo, regola o certezza.

Non parliamo dei rave party, ma di quelle piccole evasioni dal quotidiano, qualcosa di cui parlare per un anno intero, l’occasione per provarci con la ragazza dei propri sogni, di fare il bagno di notte, di bere, cantare e fare chiasso sino al mattino.

Ed allora ecco sette cose che devi sapere se fai un falò.

Si può fare un falò sulla spiaggia?

Iniziamo dalla domanda più semplice e banale: è legale fare un falò? Assolutamente no, se parliamo di spiagge concesse in gestione ai lidi, salvo ovviamente che vi mettiate d’accordo con il titolare della concessione. 

Discorso diverso vale per le spiagge libere. Qui dobbiamo considerare che il nostro Codice penale, all’articolo 423, punisce chi provoca incendi. Per fortuna, però, questa norma non si applica al caso nostro. La Cassazione [1] ha detto che il reato di incendio scatta solo quando si mette in pericolo l’incolumità pubblica, il che richiede terreni su cui insiste erba o altra vegetazione secca, per via del facile propagarsi delle fiamme. Invece, tutto ciò non succede in una spiaggia dove la presenza della sabbia rende impossibile il diffondersi delle fiamme. 

A vostro monito, fate molta attenzione a dove accendete il falò. Distanziatevi dall’erbetta che spesso si trova a ridosso delle spiagge. 

Gli ostacoli, però, non sono finiti qui. Il Comune infatti potrebbe imporre, con proprie ordinanze, il divieto di appiccare fuochi sulla spiaggia. Quindi, bisogna sempre informarsi presso l’ente locale. Attenzione: se così dovesse essere non rischiereste alcuna incriminazione penale perché i Comuni non possono istituire reati ma solo sanzioni amministrative. Che peraltro, nel caso di soggetti minorenni, saranno intestate ai genitori che dovranno pertanto pagare la multa. 

Ogni Comune è libero di applicare le multe che preferisce, ma sempre nei limiti della ragionevolezza. 

Posso bere a un falò se sono minorenne?

Come sapete, la legge vieta di vendere alcolici e sigarette ai minorenni. Ma a rischiare è solo il commerciante. Per cui, se un poliziotto vede un ragazzo che beve dell’alcol, oltre a chiedergli dove l’ha comprato, non può fare. E del resto, nulla vieta di dire che le bottiglie provengono da casa, salvando così sé e gli amici dalla sanzione.

Attenzione, quindi, a buttare gli scontrini dalle buste in cui portate la vodka. 

Fumare marijuana

L’uso personale di marijuana non costituisce reato, ma questo non vuol dire che sia lecito. Se viene un poliziotto può chiedervi le generalità e sanzionarvi. Si tratta di conseguenze di carattere amministrativo come la revoca della patente e del passaporto, o addirittura l’imposizione di un percorso terapeutico di cui saranno informati i vostri genitori se siete minorenni. 

Se avete con voi marijuana in quantità massicce, ma l’avete acquistata per i vostri amici e quindi dovete distribuirla tra loro, non rischierete un’incriminazione penale solo a condizione di aver ricevuto da questi i soldi per l’acquisto. Altrimenti sia la cessione gratuita che la vendita ai compagni di falò integra il reato di spaccio e sarete perseguibili penalmente. E lì sono dolori.

Essere ubriachi e fare ciò che si vuole

Quando si è ubriachi si crede di essere giustificati per qualsiasi cosa, proprio perché incapaci di intendere e volere. Invece, non è così. Il diritto ritiene che voi siate capaci nel momento in cui decidete di bere e ubriacarvi, perciò rispondete di tutto ciò che dopo farete come una persona normale. Per cui se ci proverete insistentemente con una ragazza potreste essere incriminati per molestie; se la toccherete sarete accusati di violenza sessuale; se poi avete almeno 18 anni e state con una ragazza di 13 anni, o meno, sarete condannati per atti sessuali con minori. Anche qui non conta il fatto che eravate ubriachi. 

Andare via ubriachi dal falò

Prima di tornare a casa, assicuratevi di aver smaltito tutto l’alcol. E ciò sia se lo farete guidando l’auto che tornando a piedi. Nel primo caso, vi toccherà il processo penale per guida in stato di ebbrezza, le cui sanzioni sono tanto più gravi quanto più alto è il tasso alcolemico nel sangue. Nel secondo caso, risponderete dell’illecito amministrativo di ubriachezza, sanzionato dall’articolo 688 Codice penale in base al quale «Chiunque, in luogo pubblico o aperto al pubblico, è colto in stato di manifesta ubriachezza è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da euro 51 a euro 309». Quindi, camminare per strada ubriachi è reato.

Attenzione: non potrete tornare a casa neanche in bici visto che il reato di guida in stato di ebbrezza riguarda anche chi si mette a pedalare. 

Fare rumore 

Anche se la spiaggia è di norma lontana dalle abitazioni non è detto che la musica non arrivi fin dentro le case limitrofe. In tal caso, risponderete del reato di disturbo alla quiete pubblica, per il quale potrete essere processati senza bisogno che qualcuno si lamenti visto che è un reato perseguibile d’ufficio.

Fare sesso in spiaggia

Veniamo ora all’aspetto più interessante del falò: fare sesso in spiaggia è legale? Se doveste appartarvi e qualcuno dovesse vedervi cosa rischiereste? Gli atti osceni in luogo pubblico non sono più reato ma un illecito amministrativo; e se anche a vedervi ci sono solo i vostri amici, il fatto di trovarvi in un posto aperto, ove può transitare chiunque, vi sottopone al rischio di una sanzione pecuniaria che va da 5mila a 30mila euro.

Chiaramente, se poi scatta anche la gravidanza indesiderata, perché non vi siete controllati proprio a causa dell’alcol, vi tocca obbligatoriamente riconoscere il figlio e mantenerlo fino a quando non troverà un lavoro. 


note

[1] Cass. sent. n. 23411/2015.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube