Diritto e Fisco | Articoli

Isee entro quando

21 Luglio 2020 | Autore:
Isee entro quando

Scadenza dichiarazione sostitutiva unica per reddito di cittadinanza, bonus bebè, buono nido, tasse universitarie.

Dalla dichiarazione Isee, o Dsu (dichiarazione sostitutiva unica), emergono gli indicatori della situazione economica della famiglia (Isee, appunto, è l’acronimo di “indicatore della situazione economica equivalente”), di quella patrimoniale (Isp) e di quella reddituale (Isr). In pratica, grazie alla dichiarazione Isee si ha una “misurazione” della “ricchezza” di un nucleo familiare.

Ma a che serve questa dichiarazione, dal momento che il contribuente è già obbligato a inviare, ogni anno, la dichiarazione dei redditi (ad eccezione dei casi di esenzione, di cui abbiamo parlato in Esonero dalla dichiarazione dei redditi), tramite modello 730 o redditi persone fisiche? Chi è esonerato dalla dichiarazione fiscale e percepisce prestazioni ad integrazione del reddito dall’Inps, peraltro, è obbligato alla dichiarazione reddituale Red: allora perché aggiungere la dichiarazione Isee?

La dichiarazione Isee Dsu non riguarda il solo dichiarante, o il dichiarante e l’eventuale coniuge, ma tutto il nucleo familiare: tiene conto di numerosi dati che non si devono dichiarare nel modello 730, nel modello Redditi o nel Red. È indispensabile per ottenere numerosi benefici di carattere pubblico, come la riduzione delle tasse universitarie, il reddito di cittadinanza, la riduzione della retta della mensa scolastica, il bonus bebè, il buono nido.

Ma l’Isee entro quando si deve presentare? C’è una scadenza per questa dichiarazione?

In relazione alla Dsu, non esiste un termine massimo entro il quale la dichiarazione va presentata, ma esiste una data di validità: in particolare, la validità del modello va dal 1° gennaio dell’anno al 31 dicembre dell’anno stesso. Ogni anno, quindi, la validità della dichiarazione scade e questa va ripresentata. Dove?

Non è indispensabile rivolgersi a un Caf, ma si può provvedere alla presentazione autonomamente, attraverso il sito dell’Inps, nel quale è anche disponibile la dichiarazione con numerosi dati precompilati (per sapere come procedere: Come compilare la dichiarazione Isee).

Bisogna tuttavia tener presente che, a seconda della prestazione che si richiede, può essere necessario il possesso di un’attestazione Isee in corso di validità: l’attestazione Isee è elaborata dall’Inps, a seguito della presentazione della dichiarazione da parte del contribuente e contiene gli indicatori della situazione economica, reddituale e patrimoniale della famiglia, nonché ulteriori indicatori che variano in base alla prestazione richiesta.

Vediamo allora quando deve essere presentata la Dsu, in base al beneficio richiesto.

Entro quando Isee per il reddito di cittadinanza?

Se devi chiedere il Reddito di cittadinanza, o la pensione di cittadinanza, devi essere in possesso di un’attestazione Isee in corso di validità al momento di presentazione della domanda. Ogni anno devi rinnovare l’Isee entro il mese di gennaio, in quanto la validità del modello cessa il 31 dicembre. Se non presenti l’Isee entro il mese di gennaio, il sussidio viene sospeso. Perché riprenda a decorrere, devi presentare tempestivamente una nuova dichiarazione Isee.

Entro quando Isee per bonus bebè?

Se devi richiedere il bonus bebè per il 2020, devi sapere che come chiarito dall’Inps [1], puoi anche evitare di presentare la dichiarazione Isee, ma, in questo caso, percepirai l’importo minimo di 80 euro al mese, spettante a chi ha un Isee sopra 40mila euro. Se invece presenti la Dsu, anche tardivamente, l’importo al quale hai effettivamente diritto in base al tuo reddito viene integrato a decorrere dalla data della domanda.

Potresti dunque aver diritto a un bonus bebè da 120 o 160 euro al mese, aumentato del 20% per ogni figlio successivo al primo.

Per maggiori approfondimenti: Bonus bebè 2020.

Entro quando Isee per bonus nido?

Il bonus nido, o buono nido, è un contributo a sostegno delle famiglie con bambini finalizzato alla frequenza dell’asilo nido o a forme di supporto, anche domiciliari, per i bambini fino a 3 anni affetti da gravi patologie croniche.

Il buono può ammontare a:

  • 3000 euro annui, ossia 272,73 euro al mese per 11 mesi, per i nuclei familiari con un valore Isee fino a 25mila euro;
  • 2500 euro, ossia 227,28 euro al mese per 11 mesi, per i nuclei familiari con un Isee da 25.001 euro fino a 40.000 euro;
  • 1500 euro, ossia 136,36 euro al mese per 11 mesi, per i nuclei familiari con un Isee da 40.001 euro.

Se non hai presentato l’Isee o ci sono omissioni o difformità nell’attestazione al momento della domanda, il buono nido ti spetta ugualmente, ma con la liquidazione dell’importo minimo di 136,36 euro mensili (cioè 1500 euro annui) sempre che sussistano gli altri requisiti di legge.

Se invece presenti l’Isee [2], l’importo spettante viene integrato a decorrere dalla data della domanda.

Con un recente messaggio [3], peraltro, l’Inps ha chiarito che:

  • il bonus per la frequenza di asili nido pubblici e privati è determinato in base all’Isee minorenni, riferito al minore per il quale è richiesta la prestazione;
  • se l’Isee risulta assente o difforme, ma poi viene presentato tardivamente e risulta valido e conforme, il mese successivo l’istituto effettua un processo di recupero, che ricalcola l’importo massimo pagabile in base all’indicatore e procede con l’adeguamento di tutte le rate successive.

Entro quando Isee per università?

L’Isee università (Iseeu, ossia Isee per prestazioni agevolate per il diritto allo studio universitario) è una tipologia di attestazione specifica per i servizi nell’ambito del diritto allo studio (calcolo delle tasse, esoneri, servizi per il diritto allo studio).

Entro quando va presentato? I termini di presentazione possono differire in base al regolamento adottato dall’università. Generalmente, il termine previsto per la presentazione è il 31 dicembre dell’anno accademico in corso.

Calcolo delle tasse per l’anno accademico 2020/2021. Il termine di presentazione dell’Isee è il 31 dicembre 2020. Dopo il 31 dicembre 2020 non è più possibile calcolare l’Isee per la riduzione delle tasse per l’anno accademico 2020/2021.

L’attestazione Isee università è valida solo per un anno accademico.

Altre prestazioni

In generale, per le altre prestazioni di assistenza per le quali è necessaria l’attestazione Isee, la Dsu deve essere presentata entro la data di inoltro della domanda di beneficio, anche se gli enti offrono normalmente la possibilità di regolarizzare la mancata presentazione, entro determinati termini.

Per avere un elenco completo delle prestazioni più richieste per le quali è necessario l’Isee: Quando conviene presentare il modello Isee.

Che cosa succede se non presento l’Isee?

Se non presenti l’Isee entro i termini previsti per la domanda, oppure entro i termini di regolarizzazione concessi dall’ente che eroga il beneficio:

  • la domanda di concessione del beneficio ti viene respinta, se per l’agevolazione o per la prestazione richiesta è indispensabile il possesso di un’attestazione Isee in corso di validità; a seconda delle ipotesi e normativa che disciplina lo specifico beneficio, l’ente erogante può comunque avere la facoltà di concedere ugualmente la prestazione;
  • la domanda di concessione del beneficio viene accettata, ma hai diritto allo stesso nella misura minima, qualora per il riconoscimento dell’attestazione o dell’agevolazione l’Isee non sia indispensabile, ma sia richiesto ai soli fini della della determinazione dell’importo del beneficio.

In base a quanto abbiamo osservato, presentare l’Isee, nella maggior parte dei casi, conviene anche se l’attestazione non è indispensabile: può essere difatti concesso un beneficio maggiore.

Non presentare l’Isee, o non rinnovarlo, in caso di beneficio riconosciuto per più anni, o a cavallo di più annualità, può invece costare molto caro, determinando talvolta la perdita dell’agevolazione o della prestazione alla quale si ha diritto.

Leggi dunque con attenzione i requisiti richiesti per il beneficio di tuo interesse e rinnova tempestivamente l’Isee, presentando una nuova dichiarazione entro il mese di gennaio di ogni anno.


note

[1] Circ. Inps 26/2020.

[2] Circ. Inps 27/2020.

[3] Inps messaggio 2839/2020.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube