Politica | News

Bonus e tasse: cosa prevede il «decreto Agosto»

24 Luglio 2020 | Autore:
Bonus e tasse: cosa prevede il «decreto Agosto»

Al vaglio la proroga della cassa integrazione fino a fine anno, la rateizzazione pluriennale dei versamenti sospesi e incentivi per assunzioni.

Ormai, ogni mese ha il suo provvedimento ad hoc. Agosto non sarà di meno, a discapito di chi pensa che sia solo il periodo del dolce far niente sotto l’ombrellone. Il Governo sta preparando un nuovo pacchetto di misure raccolte in quello che potrebbe chiamarsi proprio «decreto Agosto». Aiuti a imprese e famiglie impegnando i 25 miliardi di scostamento di Bilancio che, mercoledì, il Parlamento dovrebbe autorizzare su richiesta dell’Esecutivo, come approvato in settimana dal Consiglio dei ministri.

Il decreto che vedrà la luce sotto il solleone dovrebbe prevedere la proroga della cassa integrazione Covid fino alla fine dell’anno. In arrivo, quindi, altre 18 settimane di ammortizzatore sociale per le aziende che hanno esaurito quelle finora concesse. A determinate condizioni, però: ad esempio, l’accesso alle seconde 9 settimane di cassa (cioè all’ultima metà della nuova proroga) solo per le imprese che nel primo semestre del 2020 hanno visto diminuire il proprio fatturato di almeno il 20%. Le altre aziende potrebbero, comunque, chiedere l’ammortizzatore versando un contributo ancora da definire. Sempre fino alla fine dell’anno resterà in vigore la norma che elimina le causali sul rinnovo dei contratti a termine e dovrebbe prolungarsi il divieto di licenziamento attualmente in vigore. Naspi e Dis-Coll saranno prorogate di altri due mesi.

Da segnalare, sempre sul fronte del lavoro, gli incentivi in arrivo per chi, entro il 2020, assumerà del personale a tempo indeterminato o terrà con sé in modo stabile i lavoratori con contratto a termine. Si pensa ad una completa decontribuzione per quattro o sei mesi su ogni assunzione o modifica di contratto da tempo determinato a indeterminato.

Per quanto riguarda le tasse, il Governo punta a consentire la rateizzazione pluriennale dei versamenti e delle ritenute fiscali e contributive di marzo, aprile e maggio rinviate per ora al 16 settembre, con la possibilità di fare in autunno un versamento unico o in quattro rate mensili. La dilazione potrebbe estendersi almeno al 2022: significherebbe abbassare notevolmente la quota di quest’anno, per agevolare i contribuenti.

Previsti anche aiuti specifici per i settori più danneggiati dall’emergenza coronavirus e il rifinanziamento tra 800milioni e un miliardo di euro del Fondo centrale di garanzia, ovvero di quello che eroga i prestiti da 30mila euro garantiti al 100% dallo Stato. Non si esclude che alberghi ed altre strutture ricettive possano beneficiare del superbonus del 110%. Allo studio altre misure per risollevare gli operatori del settore turistico.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube