Il bonus prima casa si può riutilizzare

24 Luglio 2020 | Autore:
Il bonus prima casa si può riutilizzare

Chi non ha usato al 100% il credito d’imposta per il primo acquisto, può riciclarlo per diminuire le tasse su una compravendita successiva.

Chi ha beneficiato del bonus prima casa e mantiene una parte residua dell’agevolazione, può riutilizzarla in futuro per un ipotetico nuovo acquisto di un altro immobile. Lo ha precisato l’Agenzia delle Entrate.

In pratica, il contribuente che non ha usato al 100% il bonus in sede di rogito, ha la possibilità di «riciclare» la parte rimanente del credito per abbassare le imposte di registro, ipotecaria, catastale per un secondo atto di compravendita.

La legge consente a chi acquista (entro un anno dall’alienazione della casa per la quale si ha avuto diritto al bonus o prima di venderla) un altro immobile di abitazione non di lusso di accedere ad un credito d’imposta fino a concorrenza dell’imposta di registro o dell’Iva corrisposta in relazione al precedente acquisto agevolato. Il credito non può superare l’imposta di registro o dell’Iva dovute per la compravendita della nuova casa.

Il contribuente può utilizzare il credito in due modi:

  • per l’intero importo in diminuzione dalle imposte di registro, ipotecarie e catastali, sulle successioni e donazioni dovute sugli atti e sulle denunce presentati dopo la data di acquisizione del credito;
  • in diminuzione dalle imposte sui redditi delle persone fisiche dovute in base alla dichiarazione successiva al nuovo acquisto oppure in compensazione.

Nel caso in cui il credito d’imposta non venga usato al 100% per il primo acquisto – chiarisce ora l’Agenzia – può utilizzare la parte residua del bonus in diminuzione delle imposte per la compravendita del nuovo immobile.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube