Diritto e Fisco | Articoli

Multa per guida in stato di ebbrezza anche se il conducente guida fino in questura

7 Novembre 2013
Multa per guida in stato di ebbrezza anche se il conducente guida fino in questura

Alcoltest: la negligenza degli agenti della volante non rende invalida la multa dopo il responso dell’etilometro.

Prima multato per guida in stato di ebbrezza, dopo obbligato dalla volante a guidare fino in questura. L’incredibile storia capitata a un conducente, che si è visto appioppare una multa dopo la prova con l’etilometro, ci consente di chiarire alcuni punti cardine della materia.

Il caso

Inchiodato dall’alcoltest della stradale, un automobilista è stato invitato dagli agenti a seguirli fino alla questura. Lì la multa è stata confermata, con tutte le conseguenti (e gravi) sanzioni, anche sotto il profilo penale. Da qui, il ricorso del conducente davanti al giudice con la logica motivazione: “Se davvero ero ubriaco, perché l’equipaggio della volante mi avrebbe detto di rimettermi alla guida?”. Una motivazione che non ha convinto i giudici.

Difatti, secondo la Cassazione [1], l’eventuale negligenza delle forze dell’ordine non rende invalido il risultato dell’esame alcolimetrico: è quello che conta! Insomma: carta canta.

La giustificazione del collutorio

Come spesso avviene in questi casi, il conducente ha anche provato a giustificarsi tirando fuori la scusa dell’uso del collutorio, perché prescritto dal dentista, che ha contenuto alcolico e sarebbe in grado di far “saltare” i valori dell’alcoltest. Evidentemente, la scusa non regge perché, in questi casi, il conducente deve anche riuscire a dimostrare, davanti al giudice, il recente intervento odontoiatrico e la conseguente necessità degli sciacqui.

Peraltro, come già visto in un precedente articolo (leggi: “Etilometro: guida in stato di ebbrezza anche se un farmaco fa scattare di poco la soglia”), la giurisprudenza in tema di farmaci e guida in stato di ebbrezza è particolarmente rigida.

La sanzione

In questi casi, la pena prevista dalla legge è di quattro mesi d’arresto, 2.300 euro di ammenda e un anno di stop alla patente.


note

[1] Cass. sent. n. 44485/13, del 4.11.2013.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube