Diritto e Fisco | Articoli

Mai criticare i colleghi della P.A.: licenziamento legittimo

7 Novembre 2013
Mai criticare i colleghi della P.A.: licenziamento legittimo

Escluso il diritto di critica se il comportamento del dipendente crea un grave danno al datore di lavoro, nella specie la pubblica amministrazione. Licenziato il prof che invita i genitori a far cambiare scuola ai figli per l’inadeguatezza dei colleghi.

È vietato criticare i colleghi di lavoro o l’amministrazione ove si presta servizio: non conta che le valutazioni offensive siano solo il frutto di uno sfogo circa l’inadeguatezza della struttura. In questi casi, il dipendente può ben essere licenziato in tronco, senza neanche preavviso. La giusta causa del licenziamento, infatti, deriva dalla lesione inferta al decoro della pubblica amministrazione (ma il caso può ben riguardare anche i datori di lavoro privati).

A dirlo è la Cassazione con una sentenza di ieri [1]. La Corte ha confermato il licenziamento di un insegnante che aveva criticato aspramente e apertamente la scuola dove prestava lavoro. Lo aveva fatto di fronte ad alunni e genitori.

Le invettive del dipendente nei confronti dell’azienda o dell’amministrazione presso cui è impiegato possono provocare gravi danni al datore di lavoro (nel caso di specie, il Ministero dell’Istruzione). Il diritto di critica qui non c’entra, anzi viene compresso completamente. Piuttosto, si ha una violazione dei doveri fondamentali di fedeltà e correttezza nei confronti del datore, doveri che gravano su ogni lavoratore e che possono pregiudicare il rapporto di fiducia tra le parti.


note

[1] Cass. sent. n.24989 del 6.11.2013.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube