Bonus 600 euro di marzo: novità per i professionisti

25 Luglio 2020 | Autore:
Bonus 600 euro di marzo: novità per i professionisti

Avrà diritto all’indennità anche chi è iscritto a più Casse di previdenza e la cui domanda era stata respinta per il requisito di esclusiva.

Arriva il chiarimento definitivo del ministero del Lavoro sul diritto al bonus da 600 euro previsto durante l’emergenza coronavirus. Con una gradita novità per i professionisti che erano rimasti esclusi a marzo perché non iscritti in esclusiva ad un solo ente previdenziale. La Direzione generale per le politiche previdenziali del Ministero ha precisato che sono ammessi anche loro al beneficio attraverso il Fondo per il reddito di ultima stanza. In altre parole: i professionisti esclusi dal bonus da 600 euro di marzo, potranno ricevere l’indennità.

Si risolve in questo modo il contenzioso sollevato dalla Cassa di previdenza dei dottori commercialisti (la Cnpadc), che aveva chiesto il parere ministeriale dopo che delle 28.450 domande arrivate entro il 28 aprile relative per ottenere il bonus di marzo, circa 900 non erano state evase in mancanza del requisito di esclusività introdotto il 9 aprile. Gli enti di previdenza avevano cominciato a raccogliere le istanze dai propri iscritti, ma il cambio in corsa dei requisiti costrinse le Casse a chiedere l’integrazione di migliaia di richieste arrivate.

Ora, oltre a quei 900 iscritti alla Cassa dei commercialisti, possono beneficiare del bonus da 600 euro anche i professionisti che appartengono alle altre Casse e che erano rimasti esclusi. Il Ministero, infatti, cita esplicitamente le «richieste rimaste pendenti». Automaticamente, quindi, resta fuori chi aveva revocato la domanda.

Viene chiarito, inoltre, che la decisione di riammettere i professionisti al bonus si basa, da una parte, sul provvedimento di erogazione dell’indennità, successivo all’abrogazione della norma che ha introdotto il requisito dell’iscrizione esclusiva, e dall’altra sul fatto che la data di presentazione della domanda è precedente all’introduzione del requisito di esclusiva.

Da sottolineare anche che al bonus da 600 euro di marzo hanno diritto anche i professionisti che hanno presentato la domanda tra il 9 aprile e il 19 maggio, cioè dalla data in cui è stato introdotto il requisito di esclusività e quella in cui è stato abrogato.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube