Stop cartelle esattoriali fino al 31 dicembre

25 Luglio 2020 | Autore:
Stop cartelle esattoriali fino al 31 dicembre

La proroga del blocco alla riscossione fiscale sarà estesa fino alla fine dell’anno; altrimenti sarebbe scaduta il 1° settembre. 

Nella manovra d’agosto che il Governo si accinge a varare ci sarà anche la proroga dello stop alla riscossione coattiva dei tributi fino alla fine dell’anno. Lo apprende la nostra agenzia stampa Adnkronos da fonti dell’Esecutivo.

Quindi, niente cartelle esattoriali in arrivo in autunno: la tregua fiscale a imprese e cittadini, concessa durante l’emergenza con il Decreto Rilancio, non terminerà il 1° settembre e sarà estesa sino al 31 dicembre 2020.

Le cartelle di pagamento e gli avvisi di accertamento predisposti dall’Agenzia Entrate Riscossione e già pronti per essere inviati ai destinatari sono complessivamente più di 20 milioni e in questi giorni erano emersi segnali di preoccupazione per la prevedibile valanga di atti in arrivo che ora il Governo ha deciso di arginare, consapevole che l’emergenza economica legata al Coronavirus non è affatto terminata. Da qui la necessità di emanare una manovra extra, in piena estate.

Il “decreto Agosto” in elaborazione in questi giorni a Palazzo Chigi opererà con le risorse stanziate grazie all’ultimo scostamento di bilancio di 25 miliardi che dovrà essere approvato dal Parlamento. La seduta è fissata per martedì 29 luglio e in quell’occasione si discuterà anche dell’eventuale proroga dello stato di emergenza, che il premier Conte vorrebbe prolungare sino al 31 ottobre.

Proprio oggi, l’opposizione era tornata a insistere sul tema delle cartelle esattoriali. Il leader della Lega Matteo Salvini aveva affermato: «Questi matti a settembre pensano di inviare 12 milioni di cartelle esattoriali di Equitalia a casa degli italiani. Noi faremo di tutto per bloccarle, perché sarebbero un massacro per l’economia».

Per quanto riguarda gli altri provvedimenti, sarà estesa fino al 31 dicembre 2020 anche la moratoria sui mutui per le famiglie: il termine della sospensione, in assenza di interventi, scadrebbe il 30 settembre. Sul fronte lavoro, sono due le misure che il Governo intende mettere in campo: la proroga della Cig associata a sgravi per le imprese, con una decontribuzione fino a fine anno per il datore che riprende il lavoratore messo in cassa integrazione o assume nuovo personale.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube