Diritto e Fisco | Articoli

Cosa succede se mi trovano con qualcuno che ha con sé della droga

30 Luglio 2020 | Autore:
Cosa succede se mi trovano con qualcuno che ha con sé della droga

Cosa succede se il tuo amico ha con sé della droga? Quali sono i rischi? Si può essere sottoposti a perquisizione e a fermo?

L’uso di sostanze stupefacenti è illegale in Italia: chi si limita ad assumerle solamente per sé rischia una sanzione puramente amministrativa, mentre chi si spinge fino a cederla ad altri commette un reato in piena regola. Il problema è che a volte ci si può trovare nel posto sbagliato al momento sbagliato. È ciò che accade a colui che si trova con una persona che ha con sé della droga. Nell’ipotesi di un controllo della polizia, come comportarsi? Cosa può succedere a chi viene trovato con qualcuno che ha della droga?

Si tratta sicuramente di una situazione spiacevole, dalla quale però se ne può uscire assolutamente puliti se si è innocenti. Il punto è che, almeno sul momento, le cose potrebbero essere complicate: la polizia, infatti, ha ampi poteri quando si tratta di sostanze stupefacenti, nel senso che può procedere a ispezione e perquisizione senza neanche bisogno di avere l’autorizzazione del giudice. Ecco perché devi tenere in conto sin da subito che, se beccano con te qualcuno che ha la droga, puoi stare certo che le forze dell’ordine ti perquisiranno. Vediamo più nel dettaglio cosa succede se il tuo amico ha con sé della droga.

Possesso di droga: è reato?

Il possesso di droga non costituisce necessariamente reato: dipende da ciò che si intende fare con la sostanza stupefacente.

Come anticipato, la droga per uso personale non è reato: chi decide di fumare uno spinello o di assumere qualsiasi altro tipo di sostanza stupefacente non è perseguibile penalmente. Se invece la droga è posseduta per finalità di spaccio, allora le sanzioni sono molto severe: nelle ipotesi più gravi, la pena è la reclusione da un minimo di sei a un massimo di venti anni [1].

Non solo lo spaccio inteso come vendita, ma anche la mera cessione gratuita di droga costituisce reato; lo è anche solo trasportare droga da un luogo a un altro.

Droga: quando è spaccio e quando uso personale?

Poiché la mera detenzione di droga non è, di per sé, un reato, ma lo diventa in base alle finalità del possesso, è fondamentale capire come fa la polizia a sapere se la droga rinvenuta è destinata all’uso personale (non penalmente punibile) ovvero allo spaccio.

Le forze dell’ordine si affidano ad alcuni criteri. Innanzitutto, se la quantità di droga trovata in possesso di una persona è ingente, allora si presumerà che essa sia destinata allo spaccio.

Ugualmente, se la droga è stata rinvenuta in panetti, cioè in confezioni suddivise e già preparate per essere piazzate, allora sarà chiaro il fine di cessione. Alla stessa maniera, il ritrovamento di oggetti tipicamente utilizzati dagli spacciatori (coltelli, bilancini, carta stagnola, ecc.) fa presumere la finalità delittuosa.

Cosa succede se mi fermano con chi ha della droga?

Veniamo al punto centrale dell’articolo: cosa succede se la polizia ti ferma con un amico che ha con sé della droga? Mettiamo il caso che, mentre state passeggiando, alcuni poliziotti, ricevuta una segnalazione, perquisiscono il tuo amico e gli trovano addosso hashish e marijuana. Tu cosa rischi? Innanzitutto, gli agenti ti chiederanno di identificarti, cioè di fornire le tue generalità (nome, cognome, residenza, professione, ecc.).

Poi, è molto probabile che perquisiscano anche te in quanto, quando si tratta di lotta allo spaccio di sostanze stupefacenti, la polizia giudiziaria può procedere a perquisizione anche senza autorizzazione del giudice; è sufficiente che sussistano ragionevoli dubbi per procedere in tal senso. E sicuramente dei fondati dubbi vi saranno, visto che sei stato trovato con chi aveva della droga con sé.

Se dalla perquisizione uscirai pulito, allora la polizia redigerà un verbale e concluderà le operazioni. Tuttavia, non è da escludere la possibilità che, nonostante tu non abbia niente addosso, la polizia decida di procedere a un fermo in piena regola, obbligandoti a seguirli in caserma per completare la procedura di identificazione e per segnalare il fatto al pm.

Nel caso di fermo, hai diritto a nominare un avvocato di fiducia e a chiamare a casa per comunicare ciò che ti è successo. Il fermo non può durare più di 24 ore.

Non hai diritto all’avvocato, a meno che non sia immediatamente reperibile, nel caso di sola perquisizione.

Cosa succede se porto in auto un amico che ha la droga?

Cosa succede se la polizia ti ferma mentre sei alla guida della tua auto e il passeggero che è seduto al tuo fianco ha con sé della droga? Si tratta di un’ipotesi non così remota, se solo si pensa che la legge [2] consente alla polizia di procedere in ogni luogo al controllo e all’ispezione dei mezzi di trasporto, dei bagagli e degli effetti personali quando hanno fondato motivo di ritenere che possano essere rinvenute sostanze stupefacenti o psicotrope.

Ebbene, poiché la responsabilità penale è personale, il semplice fatto di guidare una vettura in cui v’è anche una persona che porta con sé della droga non implica alcun illecito.

Per un’incriminazione per spaccio potrebbe non essere sufficiente nemmeno la consapevolezza che il passeggero trasporti con sé della droga.

Secondo la giurisprudenza [3], per dimostrare la responsabilità penale del conducente e proprietario della vettura, non è sufficiente il rinvenimento di un quantitativo di droga inidoneo all’uso personale, in quanto è necessario che il concorrente ponga in essere un comportamento al fine di dare un contributo alla commissione del fatto, aiutandone l’opera o la messa in atto.

Secondo altra sentenza [4], per aversi concorso di persone nel reato è necessario che il concorrente apporti un contributo morale o materiale alla realizzazione del fatto illecito, parlandosi altrimenti di connivenza non punibile qualora il comportamento sia meramente passivo e quindi inidoneo ad apportare un contributo causale alla realizzazione del reato.

Dunque, anche se il conducente/proprietario dell’autovettura sa che il suo passeggero trasporta della droga e, addirittura, nasconde tale sostanza stupefacente nel cruscotto dell’autovettura, non necessariamente incorre in responsabilità penale se non ha dato un contributo effettivo affinché la condotta del passeggero venisse agevolata.

Per la nomina di un avvocato, vale quanto detto nel paragrafo precedente: non ne hai diritto se la polizia si limita all’ispezione e/o alla perquisizione (salvo che il difensore possa immediatamente raggiungerti sul posto). Hai invece diritto a nominare un avvocato se vieni fermato e condotto via.


note

[1] Art. 73, d.P.R. n. 309/90.

[2] Art. 103 d.P.R. n. 309/1990.

[3] Cass., sent. n. 1986/2017.

[4] Cass., sent. n. 1859/2015.

Autore immagine: Depositphotos.com


2 Commenti

  1. Io non fumo, non bevo, sono sempre quello che scarrozza tutti gli amici in giro per locali. Ma un paio di loro fumano erba…sono certo che è semplice uso personale, ma una volta vi dico la verità, ho temuto il peggio quando stavano per fermarmi, ma poi non mi hanno fermato… magari possono pensare che sono io a fumare

  2. Ho scoperto per caso che una mia amica fumava erba. Cioè non me ne ero accorta, me l’hanno fatto notare altre persone che erano con me. Io sinceramente non avrei mai potuto immaginarlo. Magari direte che la puzza si sente. Ma lei si faceva le sigarette con il tabacco e oltre al tabacco ci aggiungeva altro… Ecco, io non l’avrei mai immaginato

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube