Spuntano i furbetti della cassa integrazione

29 Luglio 2020 | Autore:
Spuntano i furbetti della cassa integrazione

Il 28% delle Cig è stato erogato ad imprese che non hanno avuto cali di fatturato durante l’emergenza. Ora il Governo pensa a una stretta, ma i sindacati frenano.

Anche la cassa integrazione guadagni ha i suoi furbetti: sono le aziende che, pur non avendo riportato un calo di fatturato, l’hanno comunque chiesta ed ottenuta. Adesso si sa anche quante sono queste imprese: il 28% di quelle che hanno chiesto il beneficio. Poco più di un quarto e poco meno di un terzo del totale.

Il dato emerge dal rapporto dell’Upb, l’Ufficio parlamentare di Bilancio: il presidente, Giuseppe Pisauro, ha eseguito un monitoraggio incrociando i dati dell’Inps con quelli della fatturazione elettronica dell’Agenzia delle Entrate ed ha relazionato le commissioni riunite di Camera e Senato.

Dall’analisi emerge che un terzo delle ore complessive (che raccolgono la cassa integrazione guadagni, la Cig in deroga e i Fondi della bilateralità) è stato utilizzato legittimamente da imprese con perdite di fatturato superiori al 40%, ma più di un quarto – il 28% appunto – è stato fruito da imprese che non avevano subito alcuna riduzione del loro volume d’affari.

Ecco appunto i furbetti: la cassa integrazione dovrebbe essere utilizzata solo dalle imprese in crisi, non da quelle che, nonostante la crisi generale dell’economia provocata dal lockdown e dalla pandemia, non hanno subito perdite. Se consideriamo che le varie forme di cassa integrazione sono state richieste da più di mezzo milione di imprese, i furbetti dovrebbero essere circa 150mila aziende italiane.

A ben vedere, il mancato calo di fatturato potrebbe spiegarsi con difficoltà preesistenti all’emergenza Coronavirus, e quindi riguardare imprese “incolpevoli”, che avevano ridotto l’attività produttiva già in precedenza e avevano esaurito la possibilità di accedere agli ammortizzatori sociali, che è stata poi consentita ed ampliata con i nuovi Decreti Cura Italia e Rilancio.

Ma alla luce dei nuovi dati ufficiali resocontati dall’Upb c’è la fondata probabilità che in parecchi casi ci siano stati utilizzi impropri e vere e proprie truffe; di valore complessivamente miliardario, visto che le ore autorizzate ed erogate (senza contare quelle chieste ma ancora bloccate e quindi non ottenute) superano sinora il mezzo miliardo.

Scattano già le prime reazioni: «Non mi stupisce che ci sia stata qualche furbizia da parte delle aziende ma il tema è la crescita perché altrimenti la cassa integrazione finisce e le imprese falliscono. Quello che serve è uscire dalla crisi», dice all’Adnkronos il segretario generale Cisl, Annamaria Furlan, precisando però che «bisogna verificare nel dettaglio, perché non è solo il fatturato a determinare uno stato di crisi delle imprese. I dati dicono che le ore di Cig sono arrivate nei soli primi 6 mesi del 2020 a 2,28 miliardi di ore richieste, quindi nessuno può escludere che ci sia stata qualche furbizia».

Fonti di stampa riportano che il Governo sarebbe intenzionato a mettere un “catenaccio” alle erogazioni, blindando i requisiti per l’accesso alla cassa integrazione. Il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri nell’audizione in Parlamento ha detto che intende «rendere più selettiva la Cig», introducendo elementi di differenziazione e selezione della platea di imprese, chiedendo a quelle che possono un contributo a questo strumento».

E le novità potrebbero arrivare molto presto, con la “manovra d’agosto” che il Governo si accinge a varare. La proroga della cassa integrazione per altre 18 settimane è già stata decisa e qui si potrebbe prevedere un contributo percentuale e proporzionale alle spese della Cig chiesta dalle imprese che non risultano in perdita. Si parla di un importo tra il 9% ed il 15% a carico delle aziende, che dovrebbe funzionare da dissuasore contro le future richieste.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube