L’esperto | Articoli

Recesso giusta causa società persone: ultime sentenze

22 Agosto 2020
Recesso giusta causa società persone: ultime sentenze

Esclusione del socio dagli affari sociali o dal controllo della società; modificazione del contratto sociale; diritto di recesso del socio dissenziente.

Conseguimento dell’oggetto sociale

Perché l’insanabile dissidio tra i soci comporti lo scioglimento di una società di persone composta da due soli soci è necessario che il conflitto tra essi sia tale da rendere impossibile il conseguimento dell’oggetto sociale, in difetto della quale circostanza potrà solo sussistere una giusta causa di recesso dalla società.

Cassazione civile sez. I, 10/09/2004, n.18243

Trasformazione della snc in srl

Non sussiste la giusta causa di recesso del socio da società di persone nell’ipotesi di trasformazione della s.n.c. in s.r.l, in forza di clausola statutaria che prevede la possibilità di modifica del tipo sociale a maggioranza (di quote e non capitaria), senza nulla dire circa un correlativo diritto di recesso del socio dissenziente.

Tribunale Trento, 02/12/2002

Recesso per giusta causa di un socio di snc

Il recesso per giusta causa di un socio di una società in nome collettivo deve dimostrare che è una reazione al comportamento degli altri soci incidendo in modo obiettivo sul rapporto fiduciario.

(Nel caso di specie, era stata inviata una raccomandata fondando il recesso del socio genericamente su gravi incongruenze finalizzate a svalutare artificiosamente il valore della quota  senza indicare le condotte lesive degli interessi della società nella gestione della stessa, all’uso di quest’ultima a fini personali o relative all’esclusione del socio dagli affari sociali o dal controllo della società).

Tribunale Siena, 10/01/2020, n.42

Recesso e patto parasociale

Ferma l’inapplicabilità della disciplina del recesso per giusta di cui all’art. 2285, secondo co., c.c. ad un patto parasociale stipulato tra soci di una s.p.a., l’art. 2437 c.c. tipizza la giusta causa di recesso in una serie peculiare di ipotesi, nell’ambito delle quali non rientra il genere delle delibere di aumento di capitale.

Cassazione civile sez. I, 10/07/2018, n.18138

Recesso di un socio di una sas

Non può essere posta in discussione la legittimità del recesso di un socio di una società di persona (nel caso di specie s.a.s.) ex art. 2285, comma 1, cc, qualora la società sia stata contratta per tutta la vita dei soci cosicché il recesso “de qua” non deve neppure essere sorretto da giusta causa, attenendo, quest’ultima, al solo comma 2 della norma sopra indicata.

Tribunale Novara, 07/03/2011, n.200

Scioglimento del rapporto sociale limitatamente ad un solo socio

A norma dell’art. 2285 c.c., che trova applicazione per le società in accomandita semplice in virtù del rinvio di cui all’art. 2315 c.c., il recesso può essere esercitato liberamente dal socio, nel caso in cui la società sia stata contratta a tempo indeterminato ovvero per tutta la vita di uno dei soci, ed inoltre è determinato per giusta causa laddove costituisca legittima reazione al comportamento degli altri soci che, sotto il profilo oggettivo, sia tale da minare alla base il reciproco rapporto fiduciario: la dichiarazione del recesso è efficace, e determina lo scioglimento del rapporto sociale limitatamente al socio receduto, non appena comunicata a tutti gli altri soci, risultando altrimenti inefficace.

Tribunale Roma sez. III, 20/04/2015, n.8422

Società composta da due soli soci

In tema di società di persone, il ricorso all’autorità giudiziaria per ottenere una pronuncia di esclusione del socio è ammissibile, a norma dell’art. 2287, comma 3, c.c., nel solo caso in cui la società sia composta soltanto da due soci, mentre in ogni altro caso trova applicazione l’art. 2287, comma 1, c.c., ai sensi del quale l’esclusione del socio può essere deliberata a maggioranza, senza che assuma alcun rilievo la circostanza che all’interno della compagine sociale siano eventualmente configurabili due gruppi di interesse omogenei e tra loro contrapposti, e che l’esclusione possa in tal caso rivelarsi impossibile, in virtù del conflitto d’interessi che impedisce di computare nella maggioranza il socio da escludere: la posizione del socio che non possa avvalersi né del procedimento di cui comma 1, né del ricorso all’autorità giudiziaria, ai sensi del comma 3, non resta infatti priva di tutela, essendo sempre possibile il recesso per giusta causa, ai sensi dell’art. 2285, comma 2, c.c., il quale rappresenta una forma di tutela reputata adeguata dal legislatore, senza che possa al riguardo prospettarsi alcun dubbio di legittimità costituzionale, in riferimento agli art. 3 e 24 cost..

Cassazione civile sez. I, 19/09/2006, n.20255

Soci di società cooperativa: possono recedere per giusta causa?

I soci di società cooperativa non possono recedere dalla società per giusta causa, come nelle società di persone, ma solo nei casi previsti dalla legge e dall’atto costitutivo.

Tribunale Brindisi sez. un., 21/12/2005

Quando sussiste la giusta causa di recesso di un socio di una snc?

Sussiste giusta causa di recesso di un socio di una società in nome collettivo laddove questo, non amministratore, non sia stato coinvolto dai soci amministratori in decisioni di rilievo per la vita sociale, come avrebbero imposto, ad esempio, la sussistenza di azioni esecutive nei confronti della società nonché la notifica di accertate inadempienze tributarie: fatti questi tali da scuotere definitivamente la fiducia riposta nei soci amministratori.

Tribunale Bari, 21/11/2005

Dichiarazione di recesso dal contratto di società

La volontà del socio di recedere dalla società per giusta causa ai sensi dell’art. 2285 c.c. determina lo scioglimento del singolo rapporto sociale, con il conseguente diritto alla liquidazione della quota a favore del socio uscente, che risponde soltanto dei debiti sociali già sorti; pertanto, contrariamente a quanto avviene nei contratti a prestazioni corrispettive in relazione alla risoluzione per mutuo dissenso, la dichiarazione di recesso dal contratto di società (in cui i contraenti perseguono uno scopo comune) non può costituire adesione o consenso allo scioglimento della società, proposto, ai sensi dell’art. 2272, n. 3, c.c., dagli altri soci, in quanto l’accordo sullo scioglimento della società ha contenuto ed effetti diversi, dando luogo alla liquidazione della medesima, con differimento del soddisfacimento del diritto sulla quota all’esito dell’integrale estinzione dei debiti sociali esistenti.

Cassazione civile sez. I, 09/09/2002, n.13063

Recesso senza giusta causa e al di fuori dei casi previsti dal contratto sociale

Nella società personale contratta per un tempo determinato, il recesso di uno dei soci, che non venga esercitato né per giusta causa, né nei casi previsti dal contratto sociale, comporta la modificazione del medesimo contratto e, pertanto, necessita del consenso degli altri soci, quale accettazione, che è atto a forma libera – al pari del negozio cui si riferisce – e può essere desunta anche da facta concludentia univoci; in tal caso, determinando lo scioglimento del rapporto sociale al momento stesso del suo perfezionamento, il recesso prevale rispetto all’esclusione successivamente deliberata dagli altri soci, in quanto il principio secondo cui, nel concorso di più cause di scioglimento del rapporto sociale limitatamente ad un socio, deve ritenersi operante quella che si verifichi per prima, trova applicazione anche nel caso di concorso fra recesso ed esclusione.

Cassazione civile sez. I, 30/01/2009, n.2438



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube