Diritto e Fisco | Articoli

Pensioni, arriva il bonus: a dicembre un accredito di 154 euro

11 Novembre 2013
Pensioni, arriva il bonus: a dicembre un accredito di 154 euro

Per chi ha una pensione bassa, sotto il minimo vitale, arriva il regalo di Natale: in accredito 154 euro in via provvisoria.

I titolari di pensioni che non superano il minimo vitale (525,89 euro mensili) e che hanno redditi “limitati” riceveranno, con la rata di dicembre, un importo aggiuntivo di 154,94 euro [1].

Lo ha reso noto ieri l’Inps con un messaggio [2] dedicato appositamente al nuovo bonus.

L’importo aggiuntivo verrà erogato secondo le seguenti regole:

– se l’importo annuo complessivo delle pensioni per il 2013 (comprensivo delle maggiorazioni sociali e dell’incremento) è superiore a 6.595,53 euro al pensionato non spetta nulla;

– se l’importo annuo complessivo delle pensioni per il 2013 è minore o uguale a 6.440,59 euro il pensionato ha diritto all’intero bonus pari a 154 euro sulla mensilità di dicembre. Devono comunque essere soddisfatte le condizioni reddituali sue e del coniuge (v. dopo);

– se l’importo annuo complessivo delle pensioni per il 2013 è compreso tra 6.440,59 e 6.595,53 euro, al pensionato spetta la differenza tra 6.595,53 e l’importo delle pensioni, sempre che risultino soddisfatte le condizioni reddituali proprie e del coniuge (v. dopo).

Quanto alle condizioni reddituali proprie e del coniuge, il diritto al bonus spetta solo a condizione che:

– i redditi personali del pensionato non superino 9.660,88 euro;

– se, invece, coniugato, il reddito cumulato previsto non deve superare 19.321,77 euro (fermo restando, comunque, che non deve essere superato il limite personale di euro 9.660,88).

L’importo dell’aumento per legge finanziaria 2001 attribuito a dicembre 2013 verrà pagato provvisoriamente in attesa della verifica dei redditi definitivi.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube