Diritto e Fisco | Articoli

Condono: il ritardo su una sola rata fa scattare le sanzioni sull’intero debito

12 Novembre 2013
Condono: il ritardo su una sola rata fa scattare le sanzioni sull’intero debito

Il contribuente che paga in ritardo anche una sola rata del condono è tenuto a versare le sanzioni per intero: non si può sperare in una riduzione proporzionale all’ammontare del versamento eseguito oltre il termine.

Il ritardo nel pagamento anche di una sola rata del condono fa scattare, per il contribuente, l’obbligo di pagare le sanzioni sull’intero ammontare e non solo sulle rate residue. A chiarirlo è stata una recente sentenza della Cassazione [1].

In questi casi, il contribuente moroso non può sperare – solo per il fatto di aver ottenuto il condono e di averlo parzialmente adempiuto – in una riduzione delle sovrattasse in misura proporzionale a quanto già versato. Né tantomeno può pensare che la richiesta di sanatoria da lui avanzata possa estinguere interamente l’obbligo di pagamento delle sanzioni.

A riguardo, la Suprema Corte ha chiarito che, nel caso di un debito tributario per il quale sia stato ottenuto il condono, la deroga all’obbligo di pagamento delle sanzioni (che consegue, appunto, all’accoglimento del predetto condono) può derivare solo dal puntuale rispetto degli obblighi rateali assunti dal contribuente. In tali casi, infatti, il fisco rinuncia alla riscossione delle sanzioni in cambio dell’integrale pagamento del tributo in tempi certi. E l’interesse del fisco sarebbe di certo frustrata da una interpretazione che legittimi “una riduzione delle sanzioni proporzionale all’ammontare dei versamenti effettivamente eseguiti in termini e che dunque, in definitiva, lasci al contribuente la facoltà di dimensionare il carico sanzionatorio su di lui gravante in base alle scelte che egli ritenga di adottare su tempi ed entità dei versamenti del tributo”.


note

[1] Cass. ord. n. 25238 dell’8.11.2013.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube