Donna e famiglia | Articoli

Adulterio apparente: causa di addebito nella separazione?

21 Settembre 2020
Adulterio apparente: causa di addebito nella separazione?

Dovere di fedeltà: cosa fare se si sospetta un tradimento del coniuge?

Da un po’ di tempo, tua moglie non è più la stessa: è distratta e torna sempre tardi dal lavoro. Per giunta, ha stretto un’amicizia particolare con un uomo, con il quale si sente al telefono quasi tutti i giorni. Una mattina, con tuo grande stupore, lo sconosciuto si presenta in spiaggia. Tua moglie dice di averlo invitato per passare la giornata in compagnia. Per sbollire la rabbia, decidi di fare un bagno in mare con i vostri due figli piccoli. Al rientro, però, noti che tua moglie e l’amico non sono sotto l’ombrellone. Ti agiti e la cerchi per tutto il lido, ma niente. Dopo circa due ore, li vedi arrivare ridendo divertiti.

In questo articolo ci occuperemo dell’adulterio apparente: è causa di addebito nella separazione? Come tutti sanno, il matrimonio comporta, per entrambi i coniugi, una serie di doveri, tra cui quello di essere reciprocamente fedeli. Certo non è facile, la tentazione è sempre dietro l’angolo. Ma l’infedeltà coniugale è sempre motivo di addebito? Scopriamolo insieme.

Adulterio apparente: cosa vuol dire?

Con l’espressione “adulterio apparente” la giurisprudenza fa riferimento alle condotte di un coniuge che, per le modalità con cui sono poste in essere, possano fare intendere al partner o alla società che si sia consumato o si stia consumando un tradimento. Ti faccio un esempio per farti capire di cosa sto parlando.

Caia è solita frequentare assiduamente Tizio, amico di suo marito Mevio. Un giorno, mentre si trovavano ad una festa, Caia e Tizio ballano in modo un po’ troppo intimo, tanto che gli amici presenti cominciano a sospettare che sotto sotto tra i due ci sia qualcosa di più di una semplice amicizia. Il pettegolezzo arriva all’orecchio di Mevio, il quale, geloso e insicuro, cade in uno stato di profonda crisi.

Quindi, come puoi notare, si parla di adulterio o infedeltà apparente se i comportamenti di un coniuge:

  • provocano, nell’altro e nei terzi, il fondato sospetto di un tradimento: nell’esempio che ti ho riportato, infatti, il modo di ballare di Tizio e Caia è stato oggetto di chiacchiericcio tra i presenti;
  • sono posti in essere con la consapevolezza e la volontà di ledere l’onore e la dignità del partner, tenuto conto della sua sensibilità e dell’ambiente in cui vive: Caia sapeva bene che la sua amicizia con Tizio poteva infastidire il marito geloso ed essere fonte di pettegolezzo.

Adulterio apparente: causa di addebito nella separazione?

La fine di un matrimonio può dipendere da tanti fattori: incompatibilità di carattere, assenza di sentimento, genitori invadenti, ecc.. Spesso, però, la coppia si lascia a causa del tradimento del coniuge. Ti faccio un esempio.

Tizio conosce una donna in palestra, più giovane di lui di tre anni. Tra i due c’è subito sintonia al punto che iniziano una relazione di nascosto. Caia, moglie di Tizio, scopre il tradimento del marito e, infuriata, chiede immediatamente la separazione.

Ebbene, come puoi notare, il matrimonio di Caia e Tizio è finito per colpa di quest’ultimo che, con il suo comportamento scellerato ha violato il dovere di fedeltà tradendo la moglie. In tal caso, Caia può chiedere al giudice di pronunciare la separazione con addebito, ossia di attribuire esclusivamente a Tizio la colpa per la fine del loro matrimonio.

Analizziamo adesso l’ipotesi dell’adulterio apparente, cioè quando un coniuge si comporta in modo da ingenerare nell’altro solo dei sospetti di un tradimento e non pone in essere una vera e propria infedeltà. Eccoti un altro esempio.

Tizio e Caia sono sposati da 5 anni. Da qualche tempo, l’uomo ha stretto amicizia con Sempronia, una collega di lavoro. I due si telefonano quasi ogni sera e si scambiano messaggi affettuosi. Caia, insospettita, inizia a controllare il marito e una sera lo sente parlare di nascosto al cellulare. Alle domande insistenti della moglie, Tizio risponde che si tratta di telefonate di lavoro. Più passa il tempo, più la relazione diventa forte e nel paese girano voci insistenti, al punto che Caia, presa dalla gelosia, inizia a temere la fine del suo matrimonio.

La fedeltà coniugale [1] è uno dei doveri che nascono dal matrimonio e consiste nell’impegno reciproco di non tradire e di non offendere l’onore e la dignità dell’altro. Tale impegno comporta, in concreto, la capacità di astenersi sia dai rapporti sessuali extraconiugali sia dall’assumere comportamenti che, pur non costituendo adulterio in senso stretto, possano essere gravemente ingiuriosi nei confronti dell’altro coniuge.

Secondo la giurisprudenza [2], gli adulteri apparenti possono divenire causa di addebito nella separazione nel momento in cui danno luogo a plausibili sospetti di infedeltà e offendono la dignità e l’onore dell’altro coniuge. Pensa, ad esempio, alla moglie derisa perché il partner è noto in paese per il suo comportamento troppo espansivo con le altre donne.  

Pertanto, l’adulterio apparente, qualora determini la fine del matrimonio, è motivo di addebito della separazione e anche di risarcimento del danno. Tale addebito va richiesto al giudice, il quale ha il compito di accertare che la crisi coniugale è stata determinata dal comportamento di uno dei due coniugi.

Addebito nella separazione: quali sono gli effetti?

A questo punto, vediamo esattamente quali sono le conseguenze della pronuncia di addebito.

In buona sostanza, il coniuge colpevole perde:

  • il diritto alla pensione di reversibilità e ad altre prestazioni previdenziali riconosciute al coniuge defunto;
  • i diritti successori;
  • il diritto a percepire l’assegno di mantenimento dall’altro coniuge.

Naturalmente, è necessario dimostrare il nesso di causalità, ossia fornire le prove che la fine dell’unione coniugale sia stata determinata esclusivamente dal coniuge che, con il suo comportamento volto a ingenerare sospetti di un tradimento, ha reso impossibile la prosecuzione della convivenza.


note

[1] Art. 143 cod.civ.

[2] Cass. n. 8929/2013 del 12.4.2013.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube