Moduli | Articoli

Modulo liberatoria

4 Agosto 2020
Modulo liberatoria

Dal consenso per la divulgazione delle fotografie alla manleva: quali informazioni inserire nel documento?

La scuola ti ha chiesto l’autorizzazione a utilizzare le immagini che ritraggono tuo figlio? Hai iscritto il tuo bambino a un campo estivo e gli organizzatori ti chiedono di firmare un esonero di responsabilità? Devi vendere casa e hai bisogno di una carta che attesti che sei in regola con le spese condominiali? In tutti questi casi si parla di liberatoria, ossia di un documento scritto utilizzato per consentire a terzi di divulgare immagini che ci ritraggono, per liberare un soggetto da responsabilità oppure per accertare eventuali crediti e debiti di un condomino. Ma dove reperire il modulo per la liberatoria? Quali dati deve contenere? Te lo spiego, con poche e semplici battute, in questo articolo. Ma procediamo con ordine e vediamo prima di capire alcune nozioni di base.

Liberatoria: cos’è e a cose serve?

La liberatoria è un documento scritto, redatto in duplice copia, con cui un soggetto dichiara un qualcosa o autorizza un’altra persona ad agire in un determinato modo. Detto così vuol dire poco e niente, lo so. Per questo ti farò un esempio.

Tizio sta camminando per strada, allorquando un ragazzo gli scatta un bel primo piano. Lo sconosciuto, una volta a casa, decide di mostrare la foto alla sua ragazza, la quale rimane colpita dello scatto.

Nell’esempio riportato, qualora il fotografo abbia intenzione di diffondere la fotografia sui social network, su una rivista oppure di esporla durante una mostra, dovrà chiedere necessariamente il consenso di Tizio, facendogli firmare una liberatoria.

Tipologie di liberatoria

A questo punto, avrai intuito che esistono diverse tipologie di liberatoria. Vediamole insieme:

  • liberatoria fotografica: è quella necessaria per divulgare, quindi mostrare al pubblico, immagini in cui sono ritratte delle persone sconosciute. Se la foto viene pubblicata senza il consenso della persona ritratta, si potrebbe incorrere nel reato di trattamento illecito dei dati e di diffamazione aggravata. Tuttavia, la liberatoria fotografica non è necessaria quando le immagini sono scattate nel corso di avvenimenti che si svolgono in pubblico (concerti, partite, ecc.). Se, ad esempio, scatti una foto al tuo cantante preferito durante un suo concerto, sarai libero di condividere l’immagine dove ti pare e piace. E se hai dimenticato di far firmare la liberatoria? Puoi comunque diffondere la foto, a condizione, però, che i volti delle persone ritratte siano sfocati o comunque oscurati. Attenzione: se l’immagine ritrae un minore di anni 14, allora è necessario chiedere il consenso di entrambi i genitori (a meno che la fotografia non venga scattata a scuola per uno scopo istituzionale e didattico);
  • liberatoria di esonero dalla responsabilità, comunemente nota come “manleva”. In pratica, si tratta di una dichiarazione scritta in cui un soggetto libera l’altro da ogni forma di responsabilità per eventi futuri. Classico esempio è quando i genitori iscrivono il proprio figlio ad un campo scuola. Firmando liberatoria non si fa altro che sollevare l’ente organizzatore da ogni responsabilità civile e penale nei confronti del bambino. Pensa a un infortunio durante un’attività ludica. Attenzione però: tale liberatoria vale fino ad un certo punto, perché il nostro codice prevede a carico degli insegnanti o dei precettori (che può essere, ad esempio, un allenatore) un obbligo di protezione nei confronti dei minori loro affidati;
  • liberatoria condominiale: documento scritto dall’amministratore di condominio e richiesto in caso di compravendita di un immobile. È un tipo di liberatoria che si rende necessaria per attestare le spese condominiali per l’anno in corso e quello precedente, con indicazione anche di eventuali liti pendenti o in corso di giudizio;
  • liberatoria di finanziamento: in questo caso, si tratta di un documento scritto rilasciato da una banca o da una finanziaria per dichiarare che il soggetto ha presentato una domanda di un prestito o di un finanziamento che non è stata accolta oppure che ha presentato richiesta di rinuncia. In parole povere, è un documento utile per confermare che la domanda depositata presso la banca o la finanziaria non è più in “attesa” e che il soggetto può fare richiesta altrove.

Infine, si è soliti usare l’espressione “quietanza liberatoria” per indicare un documento, scritto ovviamente, in cui si attesta che il debitore ha versato una determinata somma al creditore in virtù di un contratto. La quietanza liberatoria viene solitamente rilasciata quando il debitore ha adempiuto al pagamento oppure ciò che ha pagato è considerato sufficiente per liberarlo, in modo parziale, da un accordo contrattuale.

Modulo liberatoria

Per essere valida, una liberatoria deve contenere le seguenti informazioni:

  • le generalità  dei soggetti coinvolti;
  • il consenso all’utilizzo e alla divulgazione delle fotografie, l’indicazione del soggetto che detiene le immagini, la finalità delle foto e le informazioni relative a dove verranno pubblicate (in caso di liberatoria fotografica);
  • le voci di spesa rispetto alle quali il condomino risulti moroso ed eventuali liti e giudizi pendenti (in caso di liberatoria condominiale);
  • la manleva (in caso di liberatoria e di esonero da responsabilità);
  • la data, il luogo e la firma degli interessati;
  • l’informativa sulla tutela dei dati personali.

Nel box sottostante puoi trovare un esempio di modulo di liberatoria fotografica.


Liberatoria fotografica

Il/la sottoscritto/a ___________________ residente a   _________________

Nato/a a ______________ il ____________________ 

ai sensi del D. Lgs. n° 196 del 2003 sulla privacy e in base al Regio Decreto 

n° 633 del 1941 sul diritto all’immagine, 

AUTORIZZA

L’uso dei dati personali e la pubblicazione della propria immagine ripresa 

dal fotografo _____________________________________

residente a ___________________________ in ________

_______________________  il giorno ___________________ dalle ore ____________ alle ore ______ nella località di ______________________ 

per l’eventuale pubblicazione in internet o sulla carta stampata, esposizione a mostre, partecipazione a concorsi e comunque senza che ne venga mai pregiudicata la propria dignità personale e il decoro.

Il servizio di posa per ritratto è da considerarsi effettuato in forma del tutto gratuita e in maniera totalmente corretta. 

Data e luogo

Firma


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube