L’esperto | Articoli

Donazione a favore del minore: ultime sentenze

10 Settembre 2020
Donazione a favore del minore: ultime sentenze

Conflitto di interessi patrimoniali tra genitore non donante e figlio; inefficacia del rogito notarile; potere-dovere del giudice tutelare di nominare un terzo curatore speciale.

Tutela del figlio minore

In tema di donazione in favore di minore, per la cui accettazione è richiesta in ogni caso l’autorizzazione del giudice tutelare, a norma dell’art. 320, comma 3 (nuovo testo) c.c., qualora la qualità di donante venga assunta da entrambi o anche da uno solo dei genitori investiti della legale rappresentanza del minore stesso, si verifica una ipotesi di conflitto di interessi patrimoniali, che rientra nella previsione dell’ultimo comma del citato art. 320 c.c., con il conseguente potere-dovere del giudice tutelare di nominare un terzo curatore speciale, e non nella previsione del successivo art. 321, il quale, con l’intervento del tribunale, regola il diverso caso dell’impedimento o della voluta omissione dei genitori medesimi rispetto all’attività necessaria per la tutela del figlio minore.

Cassazione civile sez. I, 19/01/1981, n.439

Rappresentante legale del figlio

L’ufficio del registro può presumere che un atto di vendita di un immobile a favore di un minore dissimuli una donazione del padre, intervenuto all’atto quale rappresentante legale del figlio, a favore di quest’ultimo, in quanto è presumibile, secondo l'”id quod plerumque accidit”, che il minore non abbia i mezzi economici per procedere all’acquisto mentre il padre è in condizione di offrire la prova della provenienza dei mezzi impiegati nell’acquisto e che pertanto l’acquisto sia avvenuto con denaro del padre.

Comm. trib. centr. sez. XIX, 23/05/1980, n.469

Donazione in favore di un minore

Con riguardo alla donazione in favore di un minore, l’inosservanza delle norme circa l’autorizzazione all’accettazione integra una mera ragione di annullabilità dell’atto ai sensi dell’art. 322 c.c., deducibile soltanto dai soggetti contemplati in tale norma e, pertanto, non può essere fatta valere dai coeredi, in sede di divisione ereditaria, quale mezzo al fine di comprendere il bene donato nell’asse ereditario.

Cassazione civile sez. I, 16/11/1981, n.6057

La nomina del curatore speciale

Nel caso di donazione da un genitore al figlio minore, tra quest’ultimo ed il genitore non donante sussiste conflitto di interessi rilevante ai sensi dell’art. 320 c.c. anche se solo potenziale, onde si rende necessaria la nomina del curatore speciale.

Tribunale Roma, 15/01/1987

L’inefficacia della donazione a favore del figlio minore

Nel caso in cui sia appellata la sentenza con cui il Giudice di prime cure ha dichiarato l’inefficacia del rogito notarile mediante il quale uno dei genitori cedeva, per mero spirito di liberalità, quota di comproprietà di un immobile, con usufrutto in favore della moglie e nuda proprietà in favore del loro figlio minore, deve considerarsi validamente instaurato il contraddittorio nel caso i cui i genitori, citati in proprio e quali genitori del minore, si siano costituiti in proprio e non anche in nome e per conto del minore convenuto.

Corte appello Milano, 25/05/2017

Lesione di legittima indipendenza della liberalità

Nel caso di donazione a favore di un minore, nipote ex filio, sussiste conflitto di interessi, ancorché soltanto potenziale, fra il genitore figlio del donante ed il minore, potendo il legale rappresentante subire una lesione di legittima indipendenza della liberalità.

Tribunale Palermo, 13/07/1990

Conflitto di interessi fra donante e donatario

Nel caso di donazione il conflitto di interessi fra donante e donatario discende dalla stessa natura contrattuale del negozio con la conseguenza che, trattandosi di liberalità in favore di un minore proveniente da chi sullo stesso esercita la potestà, la competenza per la nomina del curatore speciale spetta sempre al giudice tutelare ai sensi dell’art. 320 c.c. e non al tribunale ex art. 321 c.c., essendo irrilevante che donanti siano entrambi i genitori, uno soltanto di essi o l’unico che eserciti la potestà.

Corte appello Palermo, 07/12/1989

Arricchimento del minore

Nel caso di donazione da uno dei due genitori al figlio minore, quando i due genitori non sono coniugati tra loro, non sussiste conflitto di interessi tra figlio minore donatario e genitore non donante, in quanto l’interesse di quest’ultimo – titolare della pretesa alimentare ex art. 433 c.c. non nei confronti del genitore donante, ma eventualmente solo nei confronti del figlio – appare concorrente e compatibile con quello del minore, nel senso che consiste nell’arricchimento del minore stesso.

Tribunale Torino, 11/10/1995

Stipulazione contratto di donazione tra i genitori e figlio minore

La stipulazione di un contratto di donazione tra i genitori e figlio minore configura non una situazione di conflitto di interessi patrimoniali tra gli uni e l’altro, esclusa peraltro dalla natura di atto a titolo gratuito, ma una situazione di impossibilità dei genitori al compimento dell’atto, per una imprescindibile dualità di posizioni negoziali.

Tribunale Pinerolo, 15/07/1988



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube