Dl Agosto: le nuove regole per le assunzioni a termine

10 Agosto 2020 | Autore:
Dl Agosto: le nuove regole per le assunzioni a termine

Decontribuzione al 100% di 6 mesi se a tempo indeterminato e di 3 mesi per quelle a tempo determinato e stagionali; stop alle causali e proroga automatica.

Il “pacchetto lavoro” è il pilastro del nuovo Decreto Agosto, appena varato dal Consiglio dei ministri; contiene non solo i provvedimenti per il rinnovo della cassa integrazione e per il blocco dei licenziamenti, ma anche specifiche misure a favore dei lavoratori a termine e stagionali, come quelli del turismo, degli stabilimenti balneari e di quelli termali.

I contratti a tempo determinato sono circa il 70% delle nuove assunzioni: secondo i dati forniti dall’Inps a Il Sole 24 Ore, basati sulle denunce delle aziende, il loro numero si è assottigliato progressivamente durante l’emergenza Covid. Un calo che ha assunto le proporzioni di un crollo delle assunzioni: a maggio 2020 sono scese di due terzi rispetto allo stesso mese del 2019 sia per i lavoratori a termine sia per gli stagionali.

Così la manovra d’agosto cerca di frenare questa tendenza e di garantire un sostegno a chi è rimasto privo di occupazione. L’intervento si basa su due provvedimenti volte a incentivare le assunzioni: stop alle causali fino a dicembre e sgravi contributivi, che si aggiungono alle nuove indennità previste per chi è senza impiego, estendendole oltre i limiti del precedente Dl Rilancio.

Il decreto Dignità del 2018, con lo scopo di combattere il precariato, aveva stabilito che il contratto di lavoro a termine potesse essere senza motivazione solo per i primi 12 mesi; per superare questa durata, occorreva una causale, cioè un’esigenza specifica del datore di lavoro per svolgere attività produttive fuori dall’ordinario con manodopera a termine, altrimenti il contratto si sarebbe trasformato automaticamente in rapporto di lavoro a tempo indeterminato.

Adesso il Decreto Agosto sospende queste regole e consente di rinnovare e prorogare i contratti a termine, entro il 31 dicembre 2020, fino a un massimo di 12 mesi e per una sola volta (ma la durata massima del rapporto rimane ferma a 24 mesi) senza indicare queste causali.

Inoltre, il Decreto riconosce un’indennità una tantum di 1.000 euro agli stagionali del turismo, degli stabilimenti termali e di altri settori, ai lavoratori dello spettacolo, ai lavoratori sportivi, agli intermittenti e ai marittimi. C’è anche la proroga di ulteriori due mensilità Naspi e Dis-Coll per chi ha esaurito i sussidi a maggio e giugno e per chi ha già beneficiato della proroga contenuta nel decreto Rilancio.

Infine, arrivano sgravi contributivi per i lavoratori stagionali e a termine del turismo che hanno perso il lavoro: per favorire le assunzioni, è stabilito l’esonero totale dai contributi per sei mesi se saranno a tempo indeterminato e per tre mesi per quelle a tempo determinato o con contratto di lavoro stagionale nei settori del turismo e degli stabilimenti termali.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube