Cronaca | News

Coronavirus, Putin annuncia: in Russia il vaccino è pronto

11 Agosto 2020
Coronavirus, Putin annuncia: in Russia il vaccino è pronto

Il ministero della Salute ha registrato il prodotto; il leader russo ha già vaccinato sua figlia. In autunno campagna vaccinale di massa.

Il leader russo Vladimir Putin si è presentato puntualissimo all’appuntamento: aveva annunciato che il vaccino sarebbe stato pronto entro il 10 agosto e ha mantenuto la parola. Oggi arriva la notizia la notizia che la Russia ha sviluppato il primo vaccino contro il Covid-19. Il prodotto è già stato registrato dal ministero della Sanità russo e viene definito «efficace».

Ma Putin ha fatto anche di più: secondo quanto riporta l’agenzia stampa Adnkronos, ne ha somministrato una dose a sua figlia. La reazione è stata « una leggera febbre, sparita poco tempo dopo»

Il nuovo vaccino è stato sviluppato dall’istituto Gamaleya di Mosca e ha ricevuto il via libera delle autorità sanitarie russe. Si tratta del primo ritrovato contro il Coronavirus che arriva a questa fase nel mondo. «È efficace, crea una immunità stabile e ha superato tutti i controlli necessari», dichiara alla stampa locale il ministro della Salute russo, Mikhail Murashko, precisando che durante la sperimentazione ha stimolato nei volontari «un elevato livello di anticorpi» e nessuno di loro «ha avuto serie complicazioni».

Ora, secondo quanto apprende la nostra agenzia stampa Adnkronos, la Russia si prepara ad avviare ad ottobre una campagna vaccinale di massa: i primi ad essere vaccinati saranno medici, operatori sanitari e docenti scolastici.

In Russia i contagi dall’inizio dell’emergenza sono arrivati a 897.599; ieri sono stati registrati 4.945 nuovi casi di Coronavirus e 130 decessi, che fanno salire a 15.131 il totale delle persone morte per Covid-19. La regione più colpita è quella di Mosca.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube