Diritto e Fisco | Articoli

Registrazione marchio

12 Agosto 2020
Registrazione marchio

Come registrare il segno distintivo dell’azienda: dal deposito della domanda alla concessione definitiva.

Hai creato dal nulla una piccola azienda specializzata nella produzione di prodotti alimentari. Hai 20 dipendenti e gli affari vanno sempre meglio, al punto che stai pensando di espandere l’attività. Per questa ragione, hai deciso di creare un segno di riconoscimento, semplice e originale, che ti permetta di distinguerti sul mercato. In questo articolo ci occuperemo della registrazione del marchio. Quali sono gli adempimenti preliminari da effettuare? Cosa fare per evitare di incappare in spiacevoli inconvenienti che potrebbero portar via tempo e soldi? Se sei un imprenditore e stai pensando di dotare la tua impresa di un marchio per avere più visibilità, allora ti consiglio di leggere questo articolo.

Cosa fare prima di registrare un marchio?

Cominciamo subito con un esempio pratico.

Tizio è titolare di un’azienda che si occupa dell’organizzazione di matrimoni: dalla scelta del ristorante all’addobbo in chiesa. Per ampliare la sua clientela e distinguersi dagli altri, decide di creare un marchio tutto suo, originale e colorato.

Come puoi notare dall’esempio, il marchio è quel segno distintivo che consente di distinguere un prodotto e un servizio di un’azienda da quelli dei concorrenti. Può essere rappresentato da parole, cifre, disegni, suoni, forma di un prodotto oppure può essere una combinazione di tali elementi.

Tuttavia, per impedire ad altri soggetti di utilizzare il proprio marchio è necessario registrarlo. Prima, però, occorre verificare che il marchio: 

  • non contenga ritratti, nomi e segni notori (a meno che non ci sia il consenso dei soggetti interessati), stemmi, bandiere ed altri simboli di interesse pubblico, indicazioni geografiche, riproduzioni di opere d’arte, ecc.;
  • non sia contrario alla legge, all’ordine pubblico o al buon costume;
  • sia originale: ossia deve avere un carattere distintivo tale da far individuare immediatamente il prodotto o il servizio;
  • sia nuovo: nel senso che non devono essere già registrati, in Italia o all’estero, marchi identici o simili al tuo. In tal caso, basta collegarsi online e consultare, ad esempio, la banca dati messa a disposizione dall’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi.

Registrazione marchio: come fare?

Se il tuo marchio ha tutti i requisiti analizzati poc’anzi, allora puoi procedere con la registrazione in modo da acquisire il diritto esclusivo su di esso. Tieni presente, però, che il marchio è territoriale, nel senso che è protetto solo nello Stato in cui viene registrato. Per tutelare il segno distintivo in uno o più Stati esteri devi depositare un marchio europeo (valido per tutti i Paesi dell’Unione europea) o un marchio internazionale (valido per un numero considerevole di Paesi a livello mondiale). 

La registrazione del marchio prevede i seguenti step:

  • deposito del marchio (in modalità telematica, cartacea o postale) presso l’Ufficio Brevetti e Marchi o presso una Camera di Commercio. La domanda deve contenere i dati del titolare del marchio, il simbolo originale e le classi di prodotti o servizi che lo stesso andrà ad indicare;
  • verifica della domanda: l’ufficio effettua una serie di controlli per accertarsi che l’istanza presentata sia compilata correttamente e contenga tutti i requisiti richiesti dalla legge (ad esempio, che il segno distintivo non sia contrario alla legge o al buon costume). Se viene rilevato un vizio nella domanda (ad esempio, il marchio che si vuole registrare contiene una svastica) si apre un contenzioso durante il quale è possibile replicare presentando delle osservazioni;
  • pubblicazione del marchio: se non sorgono problemi (o se questi vengono risolti) il marchio viene pubblicato nella “Gazzetta Marchi” per consentire a chiunque abbia un titolo di presentare, entro 3 mesi, un’opposizione alla registrazione. In tal caso, la procedura si arresta per risolvere la questione o permettere alle parti di raggiungere un accordo;
  • concessione del marchio: se nessuno presenta opposizioni (o se queste vengono superate) il marchio viene registrato entro 12 mesi dal deposito ed è valido per 10 anni, rinnovabili.

Attenzione: è importante usare il marchio entro 5 anni dalla registrazione, altrimenti decade il diritto di usarlo.

Naturalmente, la registrazione del marchio comporta dei costi, in termini di tasse, bolli e compensi professionali (agenzia grafica e/o consulente esperto in materia). Inoltre, il costo varia a seconda che si registri un marchio italiano, europeo o internazionale.

Considerato l’iter lungo e complesso, si consiglia di affidarsi a professionisti del settore, i quali seguiranno la registrazione passo passo.

Come difendere un marchio?

Una volta registrato il marchio, come già anticipato, il suo titolare acquista il diritto esclusivo su di esso e può vietare a terzi di utilizzarlo, salvo espresso consenso. La difesa del marchio varia a seconda della situazione che si viene a creare. Ad esempio, potrebbe accadere che una persona depositi un marchio identico al tuo (già registrato). In tal caso, puoi presentare un’opposizione entro 3 mesi dalla pubblicazione del marchio sul bollettino. Si tratta di un procedimento amministrativo finalizzato ad impedire che il segno distintivo, simile o identico, venga registrato. 

Se è scaduto il termine per presentare opposizione, si apre la strada della tutela stragiudiziale. In pratica, si invia una diffida al responsabile per intimargli l’immediata cessazione della violazione. Sia in caso di opposizione che di diffida, le parti potrebbero trovare un accordo e risolvere la questione in via bonaria. 

In alternativa, l’unico mezzo a disposizione per tutelare il marchio è l’azione legale di contraffazione o di nullità. In tal caso, si instaura un processo, lungo e costoso, dove si potrà chiedere un risarcimento del danno.

In ogni caso, per evitare ogni tipo di problema e risparmiare soldi, è sempre bene fare una ricerca prima di registrare il proprio marchio in modo da assicurarsi che sia disponibile.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube