HOME Articoli

Lo sai che? Canone Rai, si può pagare anche a rate. Ma nessuno lo sa.

Lo sai che? Pubblicato il 11 febbraio 2014

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 11 febbraio 2014

I pensionati con reddito fino a 18.000 euro annui, titolari di abbonamento alla televisione, possono richiedere al proprio ente pensionistico di effettuare il pagamento del canone di abbonamento alla televisione tramite ritenuta sulle rate di pensione.

Scade in questi giorni il termine per pagare il canone Rai a rate. Ma non tutti lo sanno. Anzi…

Non tutti sanno – né la Rai ne dà informazione nei propri puntualissimi e petulanti spot televisivi – che il canone può essere pagato anche a rate. Lo prevede una legge del 2010 [1] (tre anni di totale disinformazione) e un provvedimento dell’Agenzia delle Entrate dello stesso anno [2].

Per ottenere la dilazione bisogna essere pensionati ed avere un reddito di pensione non superiore a 18.000 euro annui. Inoltre, l’intestatario dell’abbonamento deve essere lo stesso pensionato e non altri soggetti.

La richiesta va inoltrata al proprio ente pensionistico; sarà quest’ultimo, poi, a comunicare all’interessato, entro il 15 gennaio di ogni anno, se l’istanza è stata accolta o meno. In caso positivo, l’ente effettua una trattenuta sulla pensione fino a massimo 11 rate, senza applicare interessi.

Il termine per richiedere al proprio ente pensionistico il pagamento rateale scade domani, 15 novembre 2013. Neanche per tale scadenza vi è stata la martellante campagna pubblicitaria che siamo invece abituati a vedere in concomitanza, invece, del pagamento ordinario.

note

[1] Art. 38, comma 8, Dl 78/2010

[2] Ag. Entrate provv. 29.09.2010.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. Paratica assai ardua. Ho fatto richiesta di rateizzazione c/o l’INPS della mia città. Dapprima mi hanno risposto, mostrandomi una circolare interna dell”INPS, che era un “privilegio” riservato ai solo pensionati statali. Poi, quando gli ho mostrato la Legge che smentisce tale norma, mi hanno semplicemente liquidato con un “non ne abbiamo mai ricevuto di domande del genere, per questo le eventuali non le prendiamo neanche in considerazione”. Sinceramente non mi accontento di una risposta del genere.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI