Diritto e Fisco | Articoli

Scaricare file coperti dal diritto d’autore: legale o no?

15 novembre 2013 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 15 novembre 2013



Il download dalla rete è da sempre in bilico tra legalità e illegalità: l’uso personale e lo scopo di lucro.

Scaricare dalla rete musica, film e, più in generale, file coperti dal diritto d’autore, se lo scopo perseguito dall’utente è un “uso personale”, quindi volto solo a  godere del contenuto, senza però lucrare su di esso, stando alla Corte di Cassazione [1] sarebbe lecito: ciò in quanto il fatto “non è previsto dalla legge come reato”.

Viceversa, la SIAE sostiene una tesi opposta. Secondo la società degli autori, infatti, anche il download per uso personale è vietato: a prevederlo sarebbe la legge sul diritto d’autore che sanziona tale attività con la confisca del materiale scaricato e una multa di 154 euro (in caso di recidiva o di una quantità di download molto rilevante, la multa sale a 1.032 euro) [2].

Il discorso cambia nel caso in cui, alla semplice acquisizione di file protetti dal diritto d’autore, si aggiunga un’attività di condivisione tramite il sistema del file sharing [3]. A riguardo bisogna fare una distinzione:

– se la condivisione avviene per fine di lucro, e cioè per ricavarne un vantaggio economico, scatta la reclusione da 1 a 4 anni e la multa da 2.582 a 15.493 euro [4];

– chi condivide, invece, senza fini di lucro subisce una multa da 51 a 2.065 euro [5].

Non salva l’utente il fatto di scaricare o condividere file su un sito estero, in cui magari la legislazione in materia di tutela del diritto d’autore è meno rigorosa: si tiene infatti in considerazione il luogo dal quale ci si è collegati a internet per commettere l’infrazione. Cioè a dire: scaricate del materiale da un portale peruviano? Sarete comunque sottoposti alla legge italiana, se è dall’Italia che avete effettuato il download.

La domanda si pone spontanea: se le sanzioni maggiori scattano con la condivisione dei file, perché esistono programmi o piattaforme internet che consentono tale condivisione? Non dovrebbero essere illegali? No. Tali piazze di condivisione nascono per lo scambio di materiale non coperto da copyright, ossia che non comporti la violazione del diritto d’autore. Se si ha voglia di diffondere una propria foto, una propria canzone o un software freeware, non si violerà alcuna legge. È l’uso distorto che gli utenti ne fanno a rendere i sistemi peer to peer il mezzo attraverso il quale si concretizza la violazione di legge.

Peraltro, in base a quanto stabilito dalla Corte di Giustizia Europea, è vietato dalle direttive comunitarie obbligare un provider a predisporre un costoso e complesso sistema informatico volto a controllare preventivamente il traffico in rete, al fine di rilevare degli illeciti: c’è violazione della libertà di impresa, di informazione e della privacy [6].

 

note

[1] La Corte di Cassazione, nella sent. n. 149 del 22.11.2006, ha stabilito che “il download di file musicali senza fini di lucro non è punibile perché il fatto non è previsto dalla legge come reato”.

[2] Art. 174 ter, l. n. 633/41.

[3] È la condivisione di file all’interno di una rete di calcolatori comuni.

[4] Art. 171 ter, c. 2, lett. a-bis, l. n. 633/41.

[5] Art. 171, c. 1, lett. a-bis, l. 633/41.

[6] Corte Giustizia UE, sent. n. 70 del 24.11.2011.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

7 Commenti

  1. Salve se io metto il link del trailer di un film ed è visibile con immagini ma nello stesso post metto il link del film completo che ho trovato in rete in questo caso non esce l’immagine si ricshia? grazie

  2. BUONASERA VORREI SAPERE SE OGGI 21-2-2014 è VALIDO ANCORA QUELLO CHE HA DETTO LA CORTE DI CASSAZIONE SU SCARICARE MUSICA SU USO PRIVATO è LEGALE O RISCHIO UNA MULTA? GRAZIE

  3. buongiorno VORREI SAPERE SE OGGI 16-04-2014 è VALIDO ANCORA QUELLO CHE HA DETTO LA CORTE DI CASSAZIONE SU SCARICARE MUSICA SU USO PRIVATO è LEGALE O RISCHIO UNA MULTA? GRAZIE –

  4. Ma finiamo con questi falsi moralisti ma secondo voi io per un esempio banale che sono disoccupato vado ha comprare un cd o un libro da 15 -20 euro nemmeno per sogno non me lo posso permettere , Quindi chi deve vendere rimane con un prodotto invenduto e non per amore della pirateria ma il motivo e semplice non ci sono soldi ,diciamo che chi produce vuole avere sempre più ricavi e non gli interessa altro che di intascare più soldi da chi deve comprare. E secondo voi una persona che afferma che illegale e fa il moralista non scarica files da internet come si può controllare che un giorno qualsiasi uno dei tanti bacchettoni non dica: ma dai chi se ne frega io scarico tanto chi se ne accorge .Per favore la finanza ho chi gestisce l’ordine deve pensare a chi ruba ogni giorno prendi politici , tasse sempre più alte ma visto che stiamo parlando di illegalità perchè lo stato moralista e bacchettone non toglie le macchinette mangia stipendi che si trovano nei bar lo sapete che le vincite delle macchinette vanno allo stato e i ricavi vanno Dai 79,8 miliardi di euro del 2011 a 87,1 . vedete alla fine siamo noi ha pagare e perdere non e possibile danneggiare nessuno scaricando da internet(se fatto per uso personale e non per scopo di lucro)

  5. Buon pomeriggio, sono italiana vivo presso Stoccarda (Germania) da appena dicembre 2014, mi sono arrivate 2 multe totale di 1600.00 euro per aver effettuato e visto in online film che noi vediamo quasi tutti i giorni dal programma che si chiama Popcorn (scarica programma gratis), perché essendo noi famiglia tutti sordi portatrici di handicap che preferiamo vedere sottotitoli purtroppo qui non conosco lingua tedesca e con avvocato sembrerebbe indifferente perché sono italiana e mi dice che non si puó fare nulla…mah… mi potete consigliare di come poter risolvere? noi siamo portatrici di handicap della legge 104 tutelati ma in Germania non gli frega niente ma mi sembra strano quindi prima di pagare fatemi sapere grazie. cordiali saluti Maria Di Benedetto

    1. Non solo la multa, ti fanno andare in televisione come pubblica umiliazione e poi ti mandano in carcere su marte.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI