Superbonus 110%: sanzioni fino al 200%

17 Agosto 2020 | Autore:
Superbonus 110%: sanzioni fino al 200%

Mano pesante contro chi tenta di beneficiare della detrazione con un credito d’imposta non spettante oppure inesistente.

Attenti a cadere nella tentazione di sfruttare l’opportunità di fare dei lavori di ristrutturazione gratis beneficiando del superbonus 110% ma «barando», cioè chiedendo la maxi-detrazione fiscale attraverso una dichiarazione falsa, pur sapendo di non avere i requisiti necessari. Il Governo ha previsto delle sanzioni piuttosto pesanti per chi cerca di fare il furbo.

Basta che l’Agenzia delle Entrate riscontri un’insussistenza anche solo parziale dei requisiti a far scattare la multa. Va detto, inoltre, che di fronte ad un’attestazione o ad un’asseverazione dei professionisti non veritiere vengono meno i benefici e ci sono delle sanzioni amministrative o, se il fatto costituisce reato, delle conseguenze anche penali. In pratica, il contribuente dovrà restituire le somme contestate e versare gli interessi per ritardata iscrizione a ruolo, oltre alle sanzioni.

Fornitori e cessionari che usano il credito d’imposta ricevuto dal contribuente rispondono nel limite dell’utilizzo irregolare del credito stesso o in misura superiore al credito ottenuto. Tuttavia, chi riceve il credito non perde il diritto a utilizzarlo se l’ha avuto in buona fede e si dimostra che il contribuente non aveva diritto al superbonus.

Per quanto riguarda l’importo delle sanzioni, variano a seconda dell’irregolarità commessa. Nel caso in cui il credito d’imposta sia esistente ma non spettante, la sanzione è pari al 30% del credito utilizzato. Se, invece, il credito è inesistente, la sanzione va dal 100% al 200% della misura dei crediti e non ci sarà la possibilità di effettuare un pagamento agevolato. In più, cessionario e fornitore rispondono in solido con il beneficiario del superbonus.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube