Diritto e Fisco | Articoli

Violenza sessuale anche se la donna non si oppone per paura

18 Novembre 2013 | Autore:
Violenza sessuale anche se la donna non si oppone per paura

È reato di violenza sessuale anche se lei non oppone resistenza per paura di ulteriori vessazioni da parte del compagno minaccioso.

 

Commette reato di violenza sessuale l’uomo che costringe “psicologicamente” la propria compagna ad avere, con lui, rapporti sessuali. La donna, infatti, subisce violenza anche quando non si oppone espressamente al rapporto fisico perché ha paura di subire ulteriori vessazioni, conoscendo gli atteggiamenti violenti dell’uomo.

È quanto affermato dalla Cassazione con una recente sentenza [1]. La Corte ha ritenuto che si debba dare rilievo allo stato psicologico della donna che, pur di non essere maltrattata, asseconda gli abusi sessuali del proprio compagno.

Si tratta di situazioni particolarmente delicate in cui, indipendentemente dal rifiuto espresso, è evidente la violazione della libertà sessuale della vittima.

Il comportamento prevaricatore del compagno e il perdurante stato di ansia e timore da questi provocato, rendono la donna fragile e incapace di opporsi. L’uomo violento che, consapevole di tale stato psicologico della vittima, ne approfitta, commette reato di violenza sessuale proprio perché agisce nonostante la consapevolezza del rifiuto implicito agli atti sessuali.

Dunque, la Suprema Corte sottolinea: “ogni forma di costrizione fisica o psichica, idonea ad incidere sull’altrui determinazione nella sfera sessuale, costituisce, anche all’interno di una coppia, reato di violenza sessuale” [2].


note

[1] Cass. sent. n. 45931 del 15 novembre 2013.

[2] Art. 609 bis cod. pen.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube