Diritto e Fisco | Articoli

Possesso di droga e narcotest negativo: meglio il giudizio abbreviato

18 Novembre 2013
Possesso di droga e narcotest negativo: meglio il giudizio abbreviato

Conviene chiedere il giudizio abbreviato se trovati in possesso di droghe e il narcotest ha dato esito negativo, poiché in giudizio nessun’altra prova potrà essere acquisita e sussistono concrete possibilità di uscire indenni dal processo; accade spesso che il risultato del narcotest sia inattendibile.

 

Dopo essere stati trovati e fermati in possesso di un piccolo quantitativo di droga viene generalmente effettuato subito, su una parte della droga rinvenuta, un test a campione meglio conosciuto come “narcotest”, per verificare se trattasi effettivamente di “sostanza drogante”.

Trattandosi di un controllo a campione può succedere che il test dia esito negativo. In questo caso è certamente vantaggioso chiedere il giudizio abbreviato.

 

Cos’è il giudizio abbreviato ?

Un’affermazione spesso ricorrente è “quello lì ha fatto l’abbreviato quindi era colpevole”: niente di più sbagliato!

Il Giudizio abbreviato è uno strumento messo a disposizione dallo Stato affinché un processo possa concludersi al più presto. Da un lato l’imputato accetta di difendersi allo stato degli atti (cioè sulla base delle prove già acquisite, senza possibilità di ulteriori indagini); dall’altro, in caso di condanna, la pena viene diminuita di un terzo. Non bisogna avere remore quindi nell’utilizzare questo strumento poiché non comporta nessuna ammissione di colpevolezza.

Con il giudizio abbreviato, lo Stato scambia uno sconto di pena con l’accettazione dell’indagato di minori difese, risparmiando per la collettività il costo di estenuanti e lunghi processi penali. Questo, naturalmente, non è possibile per tutti i reati essendo esclusi quelli più gravi.

 

Quando conviene optare per la scelta del giudizio abbreviato?

Generalmente l’utilizzo di questo strumento processuale conviene in due casi:

1) quando, a seguito delle indagini effettuate, non vi sono elementi a sfavore dell’imputato;

2) quando la situazione dell’imputato non può che peggiorare in caso di svolgimento di un processo, dove potrebbero emergere ulteriori prove non valutate o non conosciute in precedenza.

Il giudizio abbreviato per chi è stato fermato in possesso di droghe e narcotest negativo

A prescindere dall’esito del narcotest, la persona fermata, per il solo fatto di essere stata trovata in possesso di droghe sarà comunque portata in giudizio con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio. Se il narcotest è negativo conviene il giudizio abbreviato. Ciò perché, escludendo il patteggiamento, le diverse alternative per difendersi sarebbero due:

1) fare un processo ordinario

La persona potrà difendersi davanti a un giudice e avrà la possibilità di dimostrare che la detenzione non era ai fini di spaccio, che la sostanza stupefacente non conteneva THC (ovvero sostanza drogante) o che, comunque, si trattava di sostanza utilizzata esclusivamente per uso personale (con tutte le conseguenze che ne derivano ovvero fare un percorso di recupero, etc.).

Il giudice, tuttavia, a fronte di un “narcotest” negativo potrà disporre l’esame tossicologico di tutta la sostanza (che potrebbe dare un esito positivo, diverso da quello del narco test) oppure potrà citare eventuali testimoni sfavorevoli all’imputato. La persona con un processo pieno avrebbe la possibilità di difendersi, ma non avrebbe la certezza di uscirne vincitore.

2) chiedere un giudizio abbreviato

Il giudice si troverebbe, allo stato degli atti, innanzi a una situazione in cui il narcotest è negativo e pertanto non può più assumere altri elementi di prova che accusano la persona. In questo caso, la persona fermata uscirebbe sicuramente vincitore, senza aver mai ammesso la sua responsabilità.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube