Ryanair: in arrivo 20.000 cancellazioni

19 Agosto 2020 | Autore:
Ryanair: in arrivo 20.000 cancellazioni

La compagnia irlandese annuncia l’annullamento di circa il 20% dei voli da e per 4 Paesi europei tra settembre e ottobre.

Ryanair ha annunciato la cancellazione di quasi 20.000 voli per questo autunno da e per alcuni Paesi europei. Si tratta del 20% dei viaggi programmati tra settembre e ottobre. Nel dettaglio, la compagnia aerea irlandese prevede di annullare circa 320 voli giornalieri a settembre, per un totale di 9.600 aerei che resteranno a terra, a cui si aggiungeranno le 9.920 cancellazioni di ottobre.

I Paesi direttamente interessati, cioè quelli che vedranno ridotti i voli in partenza e in arrivo, sono Irlanda, Spagna, Francia e Svezia. Il che non vuol dire che la riduzione del traffico aereo di Ryanair si limiterà a quello tra gli Stati citati, ma può interessare anche aeroporti di altri Paesi da cui partono o a cui arrivano degli aerei verso o da quei Paesi. A cascata, ovviamente, resterebbero penalizzati i turisti che pensavano di raggiungere quelle destinazioni o che devono rientrare in Italia da Dublino, Madrid, Parigi o Stoccolma, giusto per citare le capitali dei Paesi interessati.

Il vettore irlandese ha annunciato anche di essere pronto a compensare il disagio subìto dai passeggeri. I viaggiatori, precisa la compagnia, riceveranno una comunicazione in merito tramite posta elettronica con le opzioni da scegliere: il rimborso oppure un voucher da utilizzare entro un determinato periodo di tempo o, ancora, un cambio di data. Cosa che, a dire la verità, sta già succedendo da qualche giorno in alcuni dei Paesi citati e non solo da parte di Ryanair: a La Legge per Tutti risulta che anche Air Europe si sia già mossa nella stessa direzione, ad esempio, in Spagna.

Alla base della decisione adottata dai vettori, le difficoltà a far fronte alle restrizioni imposte sulla mobilità a causa del coronavirus, sia per le compagnie stesse sia per i passeggeri.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube