Diritto e Fisco | Articoli

12 regole per rispettare l’ambiente in vacanza

22 Ottobre 2020
12 regole per rispettare l’ambiente in vacanza

Dal mare alla montagna: come comportarsi nei luoghi di villeggiatura.

Finalmente, sono arrivate le attese ferie. Quest’anno, hai deciso di trascorrere le vacanze con la tua famiglia in una località di mare. Le valigie sono pronte e i bambini non vedono l’ora di partire. In questo articolo, voglio parlarti di 12 regole per rispettare l’ambiente in vacanza. Oggi più che mai è di vitale importanza impegnarsi per favorire un turismo eco-sostenibile. Abbandonare i rifiuti, sfregiare un’opera d’arte, gettare la cicca di sigaretta in strada: sono tutti comportamenti severamente vietati che contribuiscono ad avvelenare il nostro pianeta. È fondamentale, quindi, dare l’esempio e insegnare ai propri figli come salvaguardare l’ambiente diventando turisti responsabili. Pertanto, evita i luoghi affollati, fai la raccolta differenziata e rispetta la natura.

Informarsi sulla modalità di raccolta dei rifiuti

Una buona azione per rispettare l’ambiente in vacanza è quello di verificare se è presente la raccolta dei rifiuti nel luogo di villeggiatura e dove si trovano gli appositi contenitori. In ogni caso, puoi scaricare delle app per accertarti di fare la differenziata nel modo corretto (ad esempio, gli scontrini non vanno gettati nella raccolta della carta perché l’inchiostro utilizzato reagisce al calore e genera problemi durante il riciclo).

Non comprare cibo confezionato con la plastica

Una regola da rispettare sempre è quella di iniziare a non acquistare il cibo o le bevande contenute all’interno di un involucro di plastica. Quindi, anche in vacanza, è buona abitudine cercare un mercato dove comprare frutta e verdura fresca oppure, se proprio non puoi fare a meno di andare al supermercato, evita di prendere il cibo confezionato e porta sempre con te una borsa della spesa in tessuto da riutilizzare più volte.

Utilizzare mezzi di trasporto ecologici 

Quando è possibile, evita le emissioni di smog e scegli di spostarti da un luogo all’altro in bicicletta oppure a piedi. Non solo fa bene alla salute, ma diminuisce anche l’impatto dell’inquinamento sull’ambiente.

Prestare attenzione al barbecue

Se capita di organizzare una grigliata, informati bene in quali aree è possibile accendere il fuoco e, soprattutto, ricorda di spegnerlo bene per lasciare la natura inalterata e non creare pericoli di incendio. Inoltre, non lasciare in giro bottiglie di plastica, lattine in alluminio, residui di cibo, ecc.

Non danneggiare i monumenti e le opere d’arte

Quando si visita una città d’arte oppure un luogo caratterizzato da monumenti e opere storico-artistiche, limitati ad ammirali e rispettarli. Puoi anche scattare delle fotografie, ma non devi assolutamente toccarli o danneggiarli in qualche modo. Sappi che il danneggiamento del patrimonio artistico è un reato [1] punito dal Codice penale con l’arresto fino ad un anno o con l’ammenda non inferiore a 2.065 euro.

Rispettare la natura

In collina, in montagna, al mare, ecc., c’è sempre la tentazione di strappare o calpestare piante e fiori oppure di portare via dalla spiaggia conchiglie, sassi, stelle marine, ecc. Pensa cosa accadrebbe se tutti iniziassimo a prendere un pezzo della natura che ci circonda. Ricorda, quindi, di non deturpare mai il luogo di vacanza, ma di lasciarlo così come l’hai trovato.

Non inquinare il mare

Spesso, negli stabilimenti balneari si trovano delle docce all’aperto per consentire ai bagnanti di levarsi via dal corpo il sale marino. Molte persone, però, utilizzano durante la doccia bagnoschiuma e shampoo. Tali prodotti inquinanti non si possono usare in spiaggia perché finiscono direttamente in mare.

Inoltre, ogni anno va di moda un gonfiabile a forma di tartaruga, fenicottero, unicorno, ecc. Spesso, questi giochi si rompono facilmente e vengono lasciati in acqua o a riva. Se proprio non puoi farne a meno, allora, una volta bucato, comprane uno nuovo, ma ricorda di gettare il gonfiabile rotto nel contenitore della plastica.

Portare sempre un sacchetto dei rifiuti

Potrebbe capitare che nel luogo di vacanza o in una zona limitrofa non ci siano contenitori per i rifiuti. Per questa ragione è sempre consigliabile portare con sé un sacchetto dei rifiuti da utilizzare per ogni evenienza.

Segnalare i problemi alle autorità

Se durante la vacanza ti accorgi di un animale in difficoltà, di una discarica abusiva, di un rifiuto galleggiante oppure di comportamenti poco civili da parte di altri turisti è bene segnalarlo alle autorità competenti come, ad esempio, la Capitaneria di porto o il Corpo Forestale.

Rispettare le norme

Anche in vacanza è necessario rispettare le regole, come ad esempio quella di non navigare con una barca vicino alla spiaggia o alla scogliera. Inoltre, è bene fare molta attenzione quando si utilizzano le moto d’acqua o i Flying board (un’attrezzatura che consente di fare delle evoluzioni sulla superficie dell’acqua). In casi del genere, bisogna accertarsi che non ci siano le boe di segnalazione di sub o bagnanti nelle vicinanze. Un solo errore potrebbe costare molto caro.

Inoltre, se si viaggia con un amico a quattro zampe assicurati che il luogo di villeggiatura sia aperto anche agli animali.

Rispettare la fauna

Puoi ammirare gli animali da lontano senza disturbarli. Non cercare mai di avvicinare, magari con del cibo, orsi, cervi, volpi e scoiattoli. Ogni animale si comporta in modo diverso e ognuno ha la sua personalità. La regola in questo caso è una soltanto: mantenere la distanza di sicurezza e fare silenzio.

Evitare le zone troppo affollate

Come luogo di villeggiatura non scegliere posti pieni di gente. L’eccessivo turismo, infatti, non fa altro che alterare l’equilibrio ambientale. Ti consiglio, quindi, di metterti al computer e fare qualche ricerca per trovare una zona immersa nel verde, lontano dalla folla.


note

[1] Art. 733 cod.pen.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube