Cronaca | News

Covid, in aumento i nuovi casi: dove colpisce di più

20 Agosto 2020 | Autore:
Covid, in aumento i nuovi casi: dove colpisce di più

Incremento dei contagi, che salgono a 845: Lombardia, Veneto e Lazio le regioni con il maggior numero di positivi.

Sono 845 i nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 nelle ultime 24 ore, secondo gli ultimi dati del ministero della Salute aggiornati al 20 agosto, che riporta anche 6 decessi.

L’incremento dei contagi

L’incremento è di 203 contagi in più rispetto a ieri, quando i casi erano stati 642, con 7 morti. Si tratta di uno degli sbalzi più alti dall’inizio della pandemia e la tendenza è preoccupante. Un numero così elevato di nuovi casi non si vedeva dallo scorso 16 maggio, quando vigeva ancora il lockdown.

Il totale dei casi

Attualmente sono 256mila i casi di Coronavirus registrati dall’inizio dell’epidemia, mentre gli attuali positivi sono 16.014 e il bilancio totale delle vittime è di 35.418. Crescono anche lievemente i ricoverati in terapia intensiva, che passano da 66 a 68.

I guariti nelle ultime 24 ore sono 180 e il totale da inizio emergenza sale a 204.686. I tamponi fatti in giornata sono 77.442 tamponi, che fanno crescere il numero complessivo dei test compiuti in Italia a 7.790.596.

Le Regioni più colpite

Le Regioni dove si registra il maggior numero dei casi sono il Veneto con 159 e la Lombardia con 154, seguite da Lazio (75), Toscana (59), Campania (53), Piemonte ed Emilia Romagna (52 casi ciascuna).

Oggi, come ieri, non c’è nessuna regione che riporta zero casi. In molte regioni una buona parte dei casi è legata ai rientri dall’estero. Per tutti i dettagli puoi consultare la nostra mappa di diffusione del Coronavirus in tempo reale.

I nuovi focolai

Alcuni focolai registrano dimensioni rilevanti,anche se l’infezione è circoscritta: sono 26 i positivi nel resort sull’Isola di Santo Stefano, nell’arcipelago della Maddalena in Sardegna, dove 470 persone erano state messe in quarantena dopo la scoperta di un caso di Covid 19 che aveva colpito un addetto stagionale della struttura. «Pare stiano tutti bene», dice il sindaco, Luca Montella.

Invece a Sant’Agata Militello, nel Messinese, salgono a sei i casi di Covid-19, che riguardano tutti ragazzi adolescenti.  «Stanno fortunatamente bene, non presentano sintomi e si trovano in isolamento», dice il sindaco, Bruno Mancuso, che rassicura: «la situazione è tenuta sotto stretta osservazione e costantemente monitorata» e invita i cittadini «a mantenere la giusta tranquillità».

Il parere degli esperti

Secondo Francesco Vaia, direttore sanitario dello Spallanzani di Roma, «i numeri dei contagi oggi non sono catastrofici, parliamo ancora di cifre accettabili». E sottolinea che «il virus ha colpito in maniera particolare nella prima fase gli over 65. Oggi abbiamo una media di età più bassa e inferiore ai 40 anni».

Sui comportamenti da adottare in questo scorcio d’estate, l’esperto precisa: «si può e si deve andare in vacanza ma applicando le regole che conosciamo. I giovani sono prevalentemente asintomatici ma se positivi devono isolarsi dai genitori e dai nonni che possono avere una sintomatologia e una clinica più severa e impegnativa».

Il virologo Fabrizio Pregliasco commenta così all’Adnkronos Salute l’andamento dei dati: «Questa ondulazione dei casi, con un aumento, era attesa e la temevamo. Sono casi legati ai rientri dall’estero. Però confido che riusciremo a mantenere il controllo perché su questi livelli si può convivere con il virus, ma serve una forte attività di contact tracing». E sottolinea: «ora abbiamo a che fare con singoli focolai che non devono però omologarsi, altrimenti potrebbe esserci un aumento esponenziale dei casi e questo non lo dobbiamo permettere. Per fortuna, al contrario dei mesi passati, ci sono anche dati confortanti: il 30% dei nuovi casi è asintomatico e non c’è pressione sugli ospedali».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube