Visita medica al telefono: niente Iva

21 Agosto 2020 | Autore:
Visita medica al telefono: niente Iva

Per la Corte di giustizia Ue, la consulenza a distanza rientra nell’esenzione prevista per le prestazioni sanitarie, ma a due condizioni.

Anche la spesa per una consulenza medica al telefono ha la stessa esenzione dall’Iva delle altre prestazioni sanitarie. Lo ha stabilito la Corte di giustizia dell’Unione europea.

I giudici lussemburghesi hanno esaminato il caso di una società tedesca che, per conto delle casse di malattia pubbliche, forniva delle consulenze mediche telefoniche e svolgeva dei programmi di accompagnamento a distanza per pazienti con patologie di lunga durata. La Corte doveva precisare se queste prestazioni sono soggette al versamento dell’Iva oppure godono dell’esenzione prevista dall’Ue sulle prestazioni mediche effettuate nell’esercizio delle professioni mediche e paramediche come definite dallo Stato membro interessato.

E, infatti, secondo la Corte, l’esenzione è valida anche per le prestazioni mediche via telefono, se soddisfano i requisiti previsti. Tocca al giudice del singolo Stato decidere in quale misura le consulenze abbiano uno scopo terapeutico, indispensabile per accedere all’esenzione. Nel dettaglio, le prestazioni devono avere la finalità di diagnosticare, curare e possibilmente guarire malattie o problemi di salute, compresa la tutela preventiva.

Proprio perché persegue uno scopo terapeutico, la consulenza telefonica rientra tra le prestazioni sanitarie anche se viene eseguita senza la prescrizione di un medico.

La Corte di giustizia rimanda al diritto interno di ciascuno Stato membro per quanto riguarda i requisiti di qualificazione professionale di infermieri ed assistenti sanitari che eseguono la prestazione telefonica.

Ai fini dell’esenzione, continuano i giudici, non è necessaria l’esistenza di un rapporto di fiducia tra il consulente telefonico e il paziente. Significa che le prestazioni a distanza sono esenti da Iva anche quando fatturate a una struttura sanitaria.

In conclusione, affinché la visita medica telefonica possa beneficiare dell’esenzione, ci vogliono due condizioni: che si tratti di una prestazione sanitaria e che venga effettuata nell’esercizio delle professioni mediche e paramediche.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube