Cronaca | News

Coronavirus: contagi aumentati del 140% in Italia

21 Agosto 2020 | Autore:
Coronavirus: contagi aumentati del 140% in Italia

I dati preoccupanti della Fondazione Gimbe: nell’ultima settimana, quasi 600 casi in più. La virologa Capua: «Avremo a che fare a lungo con il Covid».

Ci siamo. I timori di chi si aspettava un’impennata dei contagi da coronavirus durante il mese di agosto, delle ferie, dei viaggi e delle feste ovunque, si stanno avverando. Secondo il rapporto della Fondazione Gimbe, i nuovi casi sono aumentati del 140% nell’ultimo mese. Nel dettaglio, tra il 15 e il 21 luglio, i contagi erano stati 1.408. Nel periodo tra il 15 ed il 21 agosto (cioè da sabato scorso a oggi) sono stati 3.399.

Il presidente della Fondazione, Nino Cartabellotta, non nasconde la propria preoccupazione: «Si conferma il trend in progressivo aumento dei nuovi casi, siano essi autoctoni, di importazione (stranieri) o da rientro di italiani andati in vacanza all’estero. La risalita nella curva dei contagi – continua Cartabellotta – desta non poche preoccupazioni sia perché l’incremento inizia a riflettersi progressivamente sull’aumento delle ospedalizzazioni, sia perché solo negli ultimi due giorni, peraltro non inclusi nella nostra analisi settimanale, sono stati riportati quasi 1.500 nuovi casi».

Non è il caso di diffondere degli inutili allarmismi, osserva il presidente della Gimbe. Ma, sottolinea, «non è ammissibile sottovalutare il costante aumento dei nuovi casi, anche in vista di appuntamenti cruciali per il Paese, quali riapertura di scuole e università e consultazioni elettorali».

In una sola settimana, cioè da quella prima di Ferragosto e quella che sta per chiudersi, ci sono stati 581 casi positivi in più. «Siamo davanti a segnali – conclude Cartabellotta – che invitano a mantenere l’attenzione molto alta sull’andamento dell’epidemia nel nostro Paese». Ne è convinta anche la virologa Ilaria Capua: «Questo virus non andrà via presto», avverte. «Avremo a che fare a lungo».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube