Cronaca | News

Coronavirus: oggi quasi 1.000 contagi in Italia

21 Agosto 2020 | Autore:
Coronavirus: oggi quasi 1.000 contagi in Italia

Il numero dei casi positivi torna ai livelli di metà maggio. Tre vittime in più rispetto a ieri. Le regioni più colpite: Lombardia, Lazio e Veneto.

La curva dei contagi da coronavirus in Italia è di nuovo salita: nelle ultime 24 ore, i nuovi casi positivi hanno sfiorato quota 1.000. Per la precisione sono 947, praticamente un centinaio in più rispetto a ieri. Era da metà maggio che non si arrivava a questa cifra. Nove le vittime registrate da ieri a oggi (3 in più).

La regione più colpita resta la Lombardia, con 174 casi nelle ultime 24 ore, davanti al Lazio (137 nuovi contagi) e Veneto (116). Lombardia in testa anche come numero di vittime: 6 i decessi, 2 in Veneto, 1 nel Lazio.

Valle d’Aosta e Basilicata le uniche regioni in cui ci sono stati zero contagi.

Le statistiche ci dicono, dunque, che i casi totali salgono quindi a 257.065. In calo i tamponi: 71mila, circa 6mila in meno di ieri, secondo i dati del ministero della Salute.

Proprio oggi, la Fondazione Gimbe ha pubblicato un report in cui rileva che i contagi in Italia sono aumentati del 140% in una sola settimana.



8 Commenti

  1. Buonasera
    Ho letto l’articolo sui contagi dove riportate appunto i 1000 quasi giornalieri. Ma ho una domanda, come mai non vengono indicati esclusivamente attivi nuovi + decessi senza sommare i guariti? Se sono guariti perché aggiungerli ai casi giornalieri creando così più allarmismo?
    Grazie
    Cristina

  2. Io mi auguro che non ci chiudano di nuovo. Giovani e meno giovani sono andati a farsi le vacanze all’estero e adesso molti che sono rientrati e si sono autodenunciati sono risultati positivi. Ma ne hanno sensi questi qua. Vanno in Spagna e in Grecia dove è stato detto che c’è il maggiori rischio di contagi…

  3. Hanno fatto queste ordinanze, ma alla fine anche se hanno chiuso le discoteche i ragazzi continuano a frequentare lidi dove mettono musica e si ballo lo stesso e non indossano le mascherine e non mantengono le distanze. A me sembra una grande presa in giro

  4. Noi siamo passati da quelli che dovevano dare l’esempio a quelli che arrivata l’estate siamo: tutte feste, vacanze e contagi. Ci rendiamo conto che il virus circola ancora e non dobbiamo perdere le abitudini che fino ad oggi ci hanno salvato e permesso di evitare i numeri di malati e morti degli altri paesi?

    1. Certo, ironizza pure sul virus. Ma poi vai a spiegare che era tutto uno scherzo, un semplice e banale raffreddore a quelli che sono stati chiusi in terapia intensiva e alle loro famiglie, a chi è defunto e chi ha visto entrare in ospedale e mai più uscire i propri cari. Vaglielo a dire che era un raffreddore del c…. Ma io credo che sia assurdo che ci sia ancora gente che minimizza i rischi e le conseguenze del Covid-19. Non ci hanno capito nulla neppure i medici e ancora la gente continua a morire. Milioni di infetti in tutto il mondo. E tu parli di un raffreddore? Allora, sono tutti pazzi. Eh?

  5. Questo Coronavirus ci ha presi alla sprovvista. Non nego che anch’io all’inizio pensavo si trattasse di qualcosa di poco conto che arrivava dalla Cina, ma più i casi ci toccavano da vicino e più ho iniziato a prendere coscienza dei danni che poteva causare questo virus. Insomma, bisogna stare attenti e non abbassare la guardia

  6. Di certo, ora la carica virale è diminuita. I casi stanno aumentando perché la gente ormai se ne frega e non rispetta più nessuna accortezza. Devono arrivare a dirci che ci fanno una multa per tenere certi accorgimenti. Bravi italiani!

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube