Diritto e Fisco | Articoli

Come sapere se una persona si è trasferita all’estero

22 Agosto 2020 | Autore:
Come sapere se una persona si è trasferita all’estero

Certificato di residenza e certificato di residenza Aire: come rintracciare una persona che si è trasferita all’estero.

A volte può essere importante rintracciare una persona, magari per un’importante comunicazione. Pensa al creditore che abbia bisogno di rintracciare il proprio debitore da tempo irreperibile. In casi del genere, è opportuno effettuare delle ricerche che, come ti spiegherò, non sono assolutamente proibitive, ma che diventano un po’ più difficoltose se la persona in questione pare non essere più residente in Italia. Come sapere se una persona si è trasferita all’estero?

Punto fondamentale di partenza per effettuare una ricerca del genere è l’ufficio anagrafe del Comune ove il soggetto in questione risiede o risiedeva. Ogni Comune d’Italia conserva nei propri registri gli indirizzi di residenza delle persone che, almeno formalmente, vivono in quel preciso territorio. Ma non solo: presso gli stessi uffici c’è anche l’Anagrafe degli italiani residenti all’estero, fondamentale per essere sicuri di dove sia emigrato un individuo. Come sapere se una persona si è trasferita all’estero? Come individuare la sua nuova residenza? Scopriamolo insieme.

Certificato di residenza: cos’è?

Come detto in apertura, il punto di partenza di ogni ricerca che abbia come scopo quello sapere se una persona che si è trasferita all’estero è il certificato di residenza.

Il certificato di residenza è il documento che attesta la dimora abituale di un soggetto. Viene rilasciato su richiesta dall’ufficio anagrafe del Comune e ha una validità di sei mesi dal momento del rilascio.

Come chiedere il certificato di residenza?

Dove richiedere il certificato di residenza? Il certificato di residenza può essere chiesto all’ufficio anagrafe del Comune essenzialmente in tre modi:

  • recandosi di persona presso lo sportello;
  • facendo domanda tramite pec. In questo caso, al costo ordinario del rilascio del documento (che, in carta semplice, è di circa 50 centesimi) si potrebbe aggiunge quello necessario a coprire le spese di spedizione postale;
  • inoltrando apposita istanza avvalendosi del portale telematico del Comune.

La richiesta deve ovviamente contenere le generalità della persone cercata. Se non si è in possesso di tutti i suoi dati, occorre almeno il codice fiscale, altrimenti la ricerca potrebbe non avere frutti.

Certificato di residenza: chi può chiedere il rilascio?

Chiunque può chiedere il rilascio del certificato di residenza di un’altra persona, senza nemmeno specificarne le ragioni.

Certificato residenza: dove chiederlo?

Come detto, il certificato di residenza va normalmente richiesto presso il Comune di residenza della persona di cui si cercano informazioni.

Tuttavia,  già da qualche anno in Italia è stata istituita l’Anagrafe nazionale della popolazione residente. In pratica, tutti i Comuni che hanno aderito a questo registro telematico possono accedere ai dati delle persone che sono residenti sull’intero territorio nazionale, anche se non risiedono appunto nel Comune ove è fatta al richiesta.

In pratica, se non sai a quale Comune rivolgerti per cercare una persona, potresti tentare facendo richiesta di rilascio del certificato di residenza direttamente al tuo Comune. Se è garantito il servizio di Anagrafe nazionale della popolazione residente, sarà possibile estrarre il certificato di residenza senza rivolgersi al Comune ove effettivamente il soggetto risiede.

Certificato di residenza: cosa c’è scritto?

Nel certificato di residenza è riportato l’indirizzo di residenza del soggetto per il quale è stata fatta richiesta. Tuttavia, dal certificato in oggetto potrebbe anche risultare che la persona in questione è emigrata, cioè si è trasferita altrove.

Dal certificato di residenza, dunque, risulterà il nuovo Comune ove la persona si è trasferita, ma non l’indirizzo esatto. Per ottenere tale informazione, occorrerà fare nuova domanda al Comune di attuale residenza (salvo quanto detto in relazione all’Anagrafe nazionale della popolazione residente).

Dal certificato di residenza potrebbe risultare anche che il soggetto sia emigrato all’estero. Se così fosse, si otterrebbe una prima informazione, e cioè che la persona in questione si è trasferita all’estero.

Certificato Aire: cos’è?

Il cittadino italiano residente all’estero deve iscriversi all’Aire, cioè all’Anagrafe degli italiani residenti all’estero. Il richiedente cittadino italiano, che intende trasferire la residenza all’estero per un periodo superiore a dodici mesi, deve dichiarare il trasferimento direttamente al Consolato.

Prima di espatriare, può anticipare tale dichiarazione al Comune di residenza, specificando l’indirizzo di trasferimento all’estero. È comunque obbligatorio presentarsi al consolato italiano entro 90 giorni dall’espatrio per confermare il trasferimento.

L’iscrizione all’Aire dà la possibilità di ottenere dei certificati e di esercitare il diritto di voto per corrispondenza.

L’iscrizione all’Aire comporta la cancellazione dall’Anagrafe della popolazione residente italiana.

Come chiedere il certificato di residenza Aire

Una volta appurato che la persona cercata si è trasferita all’estero, occorrerà chiedere al Comune un certificato di residenza Aire, all’interno del quale risulterà la residenza estera della persona che stai cercando.

Per chiedere il certificato di residenza Aire sarà sufficiente seguire l’iter visto in precedenza per il normale certificato di residenza. Anche il costo è il medesimo.


note

Autore immagine: Depositphotos.com


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube