Coronavirus: nuova promettente terapia dagli Usa

24 Agosto 2020 | Autore:
Coronavirus: nuova promettente terapia dagli Usa

L’Autorità del farmaco americana autorizza il trattamento al plasma, ma invita alla cautela. Trump: svolta storica.

Con le dovute cautele, gli esperti definiscono questa volta «promettente» la nuova terapia annunciata dal presidente americano Donald Trump contro il coronavirus: la Food and drug amministration, ovvero l’Agenzia del farmaco statunitense, ha appena dato il via libera al trattamento del Covid-19 a base di plasma donato da pazienti che hanno superato l’infezione. «Una svolta, un annuncio storico», secondo Trump. «Una buona prospettiva», mette invece le mani avanti con ottimismo la Fda: «Abbiamo riscontrato che 35 pazienti Covid su 100 trattati con la terapia al plasma – commenta l’Autorità – hanno avuto chiari benefici. Stiamo ancora raccogliendo dati e studiando i risultati. Ma per intanto siamo nelle condizioni di autorizzare la terapia».

Questo tipo di terapia, che utilizza la parte liquida del sangue, viene studiata anche in Europa: gli scienziati stanno cercando di capire se gli anticorpi sviluppati da chi è guarito dal coronavirus siano in grado di sviluppare le difese immunitarie di chi, invece, è contagiato. «Il plasma dei convalescenti – spiega ancora l’ente statunitense – non dovrebbe essere considerato un nuovo standard di cura. Arriveranno altri dati nei prossimi mesi e ulteriori analisi, nonché test clinici ben verificati». Insomma: si è ancora lontani dalla «svolta» e dal «momento storico» annunciati da Trump, ma si ammette che può essere stata imboccata la strada giusta.

Il timore è che il presidente americano tenti di esagerare gli entusiasmi sulla soluzione alla pandemia a scopo elettorale. Secondo alcuni scienziati, come il noto virologo Anthony Fauci, più volte in contrasto su Trump, avevano invitato la Fda a rinviare qualsiasi decisione sulla terapia al plasma, visto che non ci sono ancora delle certezze sulla sua efficacia. Due giorni fa, però, il capo della Casa Bianca, a poco più di due mesi dalle presidenziali che lo vedono in svantaggio sull’avversario Joe Biden, ha chiesto di accelerare i tempi appellandosi alla tutela della salute dei cittadini. Così, ieri sera è arrivato il commento della Food and drugs amministration, che autorizza gli ospedali a procedere. Mentre, secondo il quotidiano britannico Financial Times, Trump starebbe pressando affinché si accorciassero i tempi della distribuzione del vaccino sperimentale inglese. Il Presidente vorrebbe che venisse utilizzato negli Usa prima del 3 novembre, data il cui gli americani sono chiamati alle urne.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube