Conservatorio di musica: sì al riscatto dei contributi

25 Agosto 2020 | Autore:
Conservatorio di musica: sì al riscatto dei contributi

I titoli Afam equiparati a quelli universitari: ecco i chiarimenti dell’Inps su chi può recuperare gli anni di studio ai fini pensionistici.

Anche chi ha ottenuto in passato un diploma in un conservatorio o in un’accademia di musica può chiedere il riscatto dei contributi. Lo ha chiarito l’Inps in una recente circolare, precisando che il riscatto interessa anche le domande giacenti ed i ricorsi pendenti. Chi si è visto respingere la richiesta, può fare istanza di riesame.

Fino al 31 dicembre 2021, i titoli conseguiti in base alla disciplina in vigore vengono equiparati a quelli accademici di II livello, sempre che il titolare abbia un diploma di scuola secondaria.

Con la riforma del 1999, le scuole del settore artistico (accademie delle belle arti, danza e musica, conservatori, ecc.) sono state riconosciute come sedi di alta formazione, specializzazione e ricerca e collocate allo stesso livello delle università. Ciò significa che può chiedere il riscatto dei contributi ai fini pensionistici chi, a partire dall’anno scolastico 2005/2006, ha conseguito uno dei seguenti titoli:

  • diploma accademico di I livello;
  • diploma accademico di II livello;
  • diploma di specializzazione;
  • diploma accademico di formazione alla ricerca.

Anni dopo la riforma, è stato stabilito che i diplomi ottenuti nelle istituzioni del settore artistico (le cosiddette Afam) in base al vecchio ordinamento precedente la riforma da chi è in possesso di un titolo di scuola secondaria superiore sono equipollenti ai diplomi accademici di II livello rilasciati dalle stesse istituzioni in base a una tabella di corrispondenza fissata con decreto.

Ora, l’Inps rende ufficiale la possibilità di riscattare i contributi anche per chi ha un diploma conseguito in base al vecchio ordinamento, visto che sono stati equiparati ai titoli universitari, e con gli stessi criteri validi per i titoli conseguiti con l’ordinamento in vigore.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube