Diritto e Fisco | Articoli

Affido temporaneo alle coppie gay: il decreto del Tribunale di Parma

19 Novembre 2013 | Autore:
Affido temporaneo alle coppie gay: il decreto del Tribunale di Parma

Possibile l’affidamento temporaneo del minore ad una coppia gay: non è provato che il bambino possa essere turbato.

Anche le coppie gay possono tenere temporaneamente un bambino (cosiddetto “affido consensuale eterofamiliare temporaneo”); ciò in quanto non esiste alcun dato scientifico che attesti che l’omosessualità possa avere ripercussioni negative sui minori. È quanto affermato da un recentissimo decreto del Tribunale di Parma.

Secondo i giudici, è solo un pregiudizio culturale il ritenere che il minore possa essere turbato dalla presenza di genitori omosessuali.

Il caso di specie ha riguardato l’affidamento temporaneo di una bambina. L’affidamento temporaneo [1] ricorre nelle ipotesi in cui il bambino venga allontanato dalla propria famiglia d’origine, non idonea a prendersene cura, e affidato a terzi appartenenti alla famiglia stessa (affidamento interfamiliare) o esterni (affidamento eterofamiliare).

I soggetti affidatari possono anche essere consanguinei dello stesso sesso, persone single, famiglie con o senza figli o comunità familiari. Non è necessario, invece, che sussistano le condizioni dell’adozione (stato di abbandono del bambino) in quanto l’affidamento ha natura provvisoria e prevede il ritorno del minore alla famiglia di origine.

Secondo i giudici ducali l’affidamento è possibile anche se il nucleo familiare affidatario è costituto da due omosessuali, qualora questi siano in grado di accudire il minore.

Tale decisione è in linea con la nota sentenza della Cassazione che ha riconosciuto la piena legittimità dell’affidamento di un minore a una coppia di donne omosessuali.


note

 [1] Legge 184/83.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube