Abuso edilizio: la demolizione non spetta al condominio

25 Agosto 2020 | Autore:
Abuso edilizio: la demolizione non spetta al condominio

L’ordine del Comune di abbattere le opere illecite deve essere rivolto ai singoli proprietari esclusivi.

In caso di abuso edilizio riscontrato dal Comune durante un sopralluogo, non spetta al condominio prendersi carico della demolizione delle opere eseguite illecitamente poiché, come ente di gestione, non può disporre delle parti comuni. Queste, infatti, appartengono nel loro insieme ai singoli proprietari esclusivi. Lo ha deciso il Tar della Campania con una sentenza appena depositata [1].

Il concetto, esposto in maniera estremamente semplice, è il seguente: un condominio non può decidere su qualcosa che non gli appartiene. Men che meno buttare giù una parte di un edificio – per quanto risulti abusiva – composto da tanti pezzi quante singole proprietà ci sono, che appartengono ad altrettanti singoli soggetti.

Il caso esaminato dai giudici amministrativi della Campania spiega perfettamente perché la demolizione non spetta al condominio. Il Tar si era occupato dell’ordine di demolizione di opere abusive impartito da un Comune perché, dai rilievi effettuati, era stato riscontrato un aumento di volumetria complessiva di oltre 1.600 metri cubi considerando le parti comuni, ovvero le eccedenze di ogni immobile del condominio.

Ed ecco il nocciolo della questione: trattandosi di un aumento complessivo della volumetria, non si capiva se l’abuso edilizio era da imputare ai lavori effettuati in locali di proprietà esclusiva oppure nelle parti comuni dello stabile. Una cosa, però, era e resta sicura: l’ordine di demolizione deve essere rivolto «al proprietario e al responsabile dell’abuso». E dopo la riforma del 2012, il condominio non ha più una personalità giuridica. Inoltre, le parti comuni non appartengono al «soggetto condominio» ma ai tanti singoli condòmini che lo compongono, ciascuno per la sua quota.

Morale: il Comune deve spedire l’ordine di demolizione solo ai singoli proprietari esclusivi e non al condominio in sé, che non può accollarsi né l’onere né la responsabilità della demolizione.


note

[1] Tar Campania sent. n. 3005/2020.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube