Diritto e Fisco | Articoli

Stalking in condominio: basta creare ansia al vicino

25 Agosto 2020 | Autore:
Stalking in condominio: basta creare ansia al vicino

Il reato di atti persecutori può scattare per condotte moleste che obbligano il condomino a temere per la sua incolumità o a cambiare stile di vita.

Non c’è bisogno di arrivare a perseguitare il vicino di casa per commettere reato di stalking in condominio: basta creargli ansia con condotte moleste e reiterate nel tempo che lo inducano a cambiare le proprie abitudini di vita o a temere per la propria incolumità, come ad esempio, parcheggiare sistematicamente la macchina in modo da impedirgli l’uscita. Lo ha stabilito il tribunale di Campobasso con una recente sentenza [1].

Il giudice molisano si è occupato del caso di un uomo che, per circa un anno e mezzo e a causa di una disputa su un’area confinante con la sua proprietà, aveva provocato nei confronti dei condòmini un forte stato di ansia e di paura con condotte minacciose e fastidiose come l’appostamento notturno dietro il cancello o il parcheggiare la macchina in modo che il vicino non potesse uscire e rimanesse intrappolato dentro.

Quello che il tribunale ha stabilito, seguendo la più recente giurisprudenza, è che il reato di stalking «non è più confinato a fenomeni di degenerazione dei rapporti affettivi» ma si estende «fino a ricomprendere anche quelle condizioni di prossimità di vita tipiche dei rapporti di vicinato».

Significa che gli atti persecutori diventano delitto ogni qualvolta le condotte reiterate di molestia e minaccia possano determinare uno stato di ansia o paura, ovvero timore per l’incolumità e cambiamento delle abitudini di vita.

La pena prevista in questo caso dal Codice penale è la reclusione da 1 anno fino a 6 anni e 6 mesi.


note

[1] Trib. Campobasso sent. n. 530/2019.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube