Diritto e Fisco | Articoli

Trasformazione società: cosa accade ai debiti?

29 Agosto 2020
Trasformazione società: cosa accade ai debiti?
Ho una S.A.S con soci io e la mia ex moglie, ora la mia ex mi cede la sua quota e faremo la donazione dei beni ai nostri figli, nulla sarà più intestato a me come persona fisica; inoltre voglio fare il passaggio da S.A.S. a S.R.L. socio unico, ho dei debiti con la banca con garanzia dello stato, posso fare questo cambio?

La trasformazione da società in accomandita in società a responsabilità limitata mantiene invariata l’identità del soggetto giuridico, comportando solo la modifica dell’atto costitutivo per l’adozione di un diverso modulo giuridico nell’esercizio dell’attività d’impresa, senza svolgere alcuna influenza sulla responsabilità dell’ente e del socio illimitatamente responsabile, ove non liberato, ai sensi dell’art. 2499 c.c., a seguito del consenso dei creditori sociali.

Infatti, nel caso di trasformazione di società, ciò che muta nel socio è soltanto la misura del suo coinvolgimento nella partecipazione ai debiti sociali, mantenendo per il resto di diritti di tale “status” ed essendo coinvolto come tale nella responsabilità della società.

Pertanto, potrà essere effettuata la trasformazione da s.a.s. a s.r.l. a socio unico.

Ovviamente, i debiti La seguiranno nella trasformazione e, quindi, se Lei ha assunto questi debiti come socio accomandatario, allora risponderà, a norma dell’art. 2313 c.c., solidalmente e illimitatamente per le obbligazioni sociali assunte dalla vecchia s.a.s., anche per il futuro; viceversa, se i debiti sono stati assunti nella veste di socio accomandante, risponderà solo per la propria quota.

Infatti, in caso di trasformazione, i soci illimitatamente responsabili la cui responsabilità, per effetto della trasformazione, divenga limitata al valore della partecipazione, rispondono non solo illimitatamente dei debiti anteriori alla trasformazione, ma anche solidalmente dei medesimi (cfr. Tribunale Milano, 25/10/2019).

Riassumendo, Lei potrà eseguire la trasformazione da società di persone a società di capitali, ma i debiti assunti con la banca, a titolo di socio accomandatario (e, quindi, illimitatamente responsabile), saranno sempre collegati, come originariamente assunti, non potendo la relativa responsabilità essere trasformata, a danno dei creditori sociali.

Certo è che se Lei dovesse spogliarsi di tutti i Suoi beni, i creditori non potrebbero aggredire nulla, ma potrebbero solo, ove ne ricorrano i presupposti, procedere con l’azione revocatoria di eventuali beni immobili donati ai figli, o l’eventuale azione di simulazione di altri beni mobili registrati (autovetture, motoveicoli, barche).

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avvocato Salvatore Cirilla



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube