Diritto e Fisco | Articoli

Congedo legge 104 colf e badanti

27 Agosto 2020 | Autore:
Congedo legge 104 colf e badanti

I lavoratori domestici hanno diritto all’aspettativa retribuita per assistere un familiare con handicap grave riconosciuto?

La legge [1] accorda tutele particolari ai disabili a cui è riconosciuto un handicap in situazione di gravità ed ai familiari che li assistono: tra i benefici lavorativi più importanti, è presente il congedo straordinario, o congedo legge 104.

Si tratta di un periodo di aspettativa retribuita, riconosciuto a chi ha un rapporto di lavoro dipendente ed assiste un familiare con handicap grave riconosciuto, della durata massima di 2 anni nell’arco della vita lavorativa e per ciascun disabile.

Per fruire del congedo sono previsti specifici requisiti; inoltre, non tutti i lavoratori possono accedervi. Possono richiedere il congedo legge 104 colf e badanti? In altre parole, i lavoratori domestici hanno diritto al congedo straordinario?

Facciamo il punto si questo importante beneficio, ricordando che possono, in ogni caso, fruirne solo i lavoratori per l’assistenza di un familiare disabile e non il disabile in prima persona. Questo, a differenza di quanto avviene in relazione ai permessi legge 104, che possono essere fruiti sia dal disabile lavoratore, che dal lavoratore che assiste un familiare disabile.

Non possono fruire del congedo, inoltre, i lavoratori che non sono dipendenti, come i collaboratori ed i liberi professionisti. Ma procediamo con ordine.

A quali familiari spetta il congedo legge 104?

Possono fruire del congedo straordinario i lavoratori dipendenti secondo il seguente ordine di priorità:

  • il coniuge convivente o la parte dell’unione civile convivente della persona disabile in situazione di gravità;
  • il padre o la madre, anche adottivi o affidatari, del disabile con handicap grave, in caso di mancanza, decesso o in presenza di patologie invalidanti del coniuge convivente o della parte dell’unione civile convivente;
  • uno dei figli conviventi del portatore di handicap grave, nel caso in cui il coniuge convivente, la parte dell’unione civile convivente ed entrambi i genitori del disabile siano mancanti, deceduti o affetti da patologie invalidanti;
  • uno dei fratelli o sorelle conviventi del disabile in situazione di gravità, nel caso in cui il coniuge convivente, la parte dell’unione civile convivente, entrambi i genitori ed i figli conviventi del disabile siano mancanti, deceduti o affetti da patologie invalidanti;
  • un parente o affine entro il terzo grado convivente del portatore di handicap grave, nel caso in cui il coniuge convivente, la parte dell’unione civile convivente, entrambi i genitori, i figli conviventi e i fratelli o le sorelle conviventi del disabile siano mancanti, deceduti o affetti da patologie invalidanti.

Chi sono i parenti e gli affini?

Sono considerati parenti:

  • di primo grado: genitori e i figli;
  • di secondo grado: i nonni, i nipoti (figli dei figli) e i fratelli o le sorelle;
  • di terzo grado: i bisnonni, i pronipoti (figli dei nipoti di 2° grado), i nipoti (figli dei fratelli o delle sorelle) e gli zii (fratelli o sorelle dei genitori).

Sono considerati affini:

  • di primo grado: i suoceri, il genero e la nuora;
  • di secondo grado: i nonni del coniuge, i fratelli o le sorelle del coniuge;
  • di terzo grado: i bisnonni del coniuge, i nipoti (figli dei fratelli o delle sorelle del coniuge) e gli zii (fratelli o sorelle dei genitori del coniuge).

Com’è retribuito il congedo legge 104?

Il lavoratore in congedo ha diritto:

  • a un’indennità di congedo, pari all’ultima retribuzione percepita (comprensiva dei ratei di tredicesima mensilità, altre mensilità aggiuntive, gratifiche, indennità, premi, ecc.), sino a 36.645,11 euro;
  • all’accredito dei contributi figurativi, utili sia ai fini del diritto che della misura della pensione, sino a 12.092,89 euro.

Quali requisiti per il congedo legge 104?

Perché il lavoratore abbia diritto al congedo legge 104 deve essere accertata la presenza dei seguenti requisiti:

  • innanzitutto, deve trattarsi di un lavoratore dipendente, cioè subordinato; possono fruire del congedo anche i lavoratori part time, fatta eccezione per i periodi non lavorati, in caso di part time verticale;
  • il disabile per il quale si chiede il congedo straordinario deve essere riconosciuto portatore di handicap in situazione di gravità ai sensi della legge 104;
  • salvo specifiche eccezioni, il disabile per il quale si chiede il congedo straordinario non deve essere ricoverato a tempo pieno (per le intere 24 ore); per ricovero a tempo pieno si intende quello, per le intere ventiquattro ore, presso strutture ospedaliere o simili, pubbliche o private, che assicurano assistenza sanitaria continuativa.

Chi sono i lavoratori domestici?

Parliamo di rapporto di lavoro domestico quando il lavoratore subordinato, anche straniero, svolge la propria attività, a qualsiasi titolo, per il funzionamento della vita familiare.

Il datore di lavoro può essere un singolo privato, una famiglia o una comunità stabile senza fini di lucro; le mansioni del lavoratore devono invece:

  • consistere nelle normali incombenze familiari (badanti, colf, baby-sitter, cuochi);
  • essere svolte con continuità;
  • essere rese nell’abitazione del datore di lavoro (sono ammessi limitati distacchi);
  • rispondere ad un suo bisogno legato al funzionamento della vita familiare, e non imprenditoriale o professionale.

Se l’attività, finalizzata al funzionamento della vita familiare, è svolta in via meramente occasionale, il lavoratore domestico può essere retribuito attraverso il libretto famiglia.

I lavoratori domestici hanno diritto al congedo legge 104?

Il congedo straordinario legge 104 spetta alla generalità dei lavoratori subordinati, ma ci sono delle categorie escluse da questo beneficio:

  • i lavoratori a domicilio;
  • i lavoratori agricoli giornalieri;
  • i lavoratori autonomi;
  • i lavoratori parasubordinati;
  • i lavoratori in regime di part-time verticale, durante le pause di sospensione contrattuale;
  • i lavoratori addetti ai servizi domestici e familiari.

Colf e badanti, dunque, non possono beneficiare del congedo straordinario. Per approfondire e conoscere tutte le agevolazioni che spettano ai disabili e ai loro familiari: Guida alla legge 104.


note

[1] Art.42 D.lgs 151/2001.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube