Diritto e Fisco | Articoli

Multa annullata se il conducente prova lo stato di necessità

21 Novembre 2013 | Autore:
Multa annullata se il conducente prova lo stato di necessità

Esclusa la multa se l’automobilista ha commesso l’infrazione in stato di necessità, cioè in presenza di un’esigenza giustificabile come quella di soccorrere un familiare.

 

L’automobilista può ottenere l’annullamento della multa irrogata se dimostra che l’infrazione è stata determinata da uno stato di necessità: per esempio passaggio col semaforo rosso per l’urgenza di accompagnare un parente al pronto soccorso, un eccesso di velocità per soccorrere un infermo, ecc. [1]. Lo stato di necessità costituisce, infatti, una causa di esclusione della responsabilità [2].

Cos’è lo stato di necessità?

La legge dice che non è punibile chi commette l’infrazione per esservi stato costretto dalla necessità di salvare sé o altri dal pericolo attuale di un danno grave alla persona.

Dunque gli elementi essenziali per non dover pagare la multa sono:

– la necessità di salvare qualcuno da un danno;

– il danno deve essere grave e non lieve;

– tale danno si deve riferire alla persona (e non, per esempio, al patrimonio);

– il pericolo deve essere “attuale”: quindi non si ha stato di necessità se il danno si è già verificato e ormai consumato.

L’esclusione della responsabilità comporta l’esenzione da qualsiasi sanzione, sia pecuniaria che accessoria.

Un esempio

Il caso più frequente di stato di necessità in materia di infrazioni al codice della strada è quello delle emergenze sanitarie. Affinché si applichi la causa di esclusione di responsabilità è infatti necessario che gli interessi che hanno spinto alla violazione siano superiori a quelli imposti dalle norme sulla circolazione stradale.

La necessità di soccorrere se stessi o una persona per motivi di salute è certamente riconosciuta come causa di nullità della multa.

In ogni caso, lo stato di necessità deve essere adeguatamente provato dinanzi al giudice attraverso, per esempio, certificati medici (essenziali questi ultimi) e prove testimoniali.


note

[1]In tali casi la presenza di un familiare, che possa svolgere un’azione di sostegno ed assistenza, è del tutto assimilabile ad un intervento di pronto soccorso, idoneo a contrastare un pericolo grave alla salute, da ritenersi attuale, concreto e non altrimenti evitabile” (sent. 20.2.2006 del Giudice di Pace di Monza).

[2] Art. 4, L. n. 689/1981.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube