Diritto e Fisco | Articoli

No ipoteca sul fondo patrimoniale per debiti della società di persone

21 Novembre 2013
No ipoteca sul fondo patrimoniale per debiti della società di persone

Per i debiti della società semplice l’esattore non può rivalersi sui beni della famiglia.

Il creditore dell’imprenditore a capo di una società semplice non può iscrivere ipoteca sul fondo patrimoniale di quest’ultimo. E ciò vale anche se chi agisce si chiama Equitalia.

A dirlo è una recente sentenza della Commissione Tributaria Regionale di Milano [1].

In tali casi, l’iscrizione dell’ipoteca è illegittima: infatti, i debiti della società semplice non si considerano contratti per bisogni vitali della famiglia. Come è noto, invece, l’aggressione del fondo patrimoniale è consentita solo ai creditori di obbligazioni sorte per esigenze familiari e non – come nel caso in esame – per debiti legati all’attività imprenditoriale della società debitrice.

La Commissione ha così accolto il ricorso di un piccolo imprenditore che si era visto iscrivere ipoteca su un immobile costituito in fondo patrimoniale, per via di alcuni debiti fiscali contratti con la piccola azienda di cui era a capo.

L’iscrizione di ipoteca, in danno di una persona fisica, anche se il debito fiscale ha avuto origine nell’ambito di una società di persone, è invalida e può essere annullata dal giudice.

Il bene sottoposto ad ipoteca, peraltro costituito in fondo patrimoniale, non è di proprietà della società, ma destinato ai bisogni di nucleo familiare.

Infatti il debito fiscale a carico della società trova causa nell’ambito aziendale e non anche nell’ambito familiare.

Pertanto, l’immobile inserito nel fondo non può essere aggredibile con l’esecuzione forzata.


note

[1] CTR. Milano, sent. n. 111/2013.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube