Bonus facciate ammesso su più lati dell’edificio

2 Settembre 2020 | Autore:
Bonus facciate ammesso su più lati dell’edificio

La detrazione del 90% spetta anche sui lavori nelle parti visibili solo parzialmente dalla strada. Possibilità di cessione del credito o sconto in fattura.

La normativa che ha introdotto il bonus facciate del 90%, cioè l’ultima legge di Bilancio, prevede che l’agevolazione sia valida sulla parte esterna dell’edificio visibile dalla strada. Il problema che qualcuno si è posto, e che ha girato all’Agenzia delle Entrate per avere un parere in merito, è quanto deve essere visibile dalla strada l’edificio in cui vengono fatti i lavori.

Ora, il Fisco risponde e allarga il perimetro d’azione del bonus: secondo l’Agenzia, il bonus spetta non solo sul lato dell’immobile che si affaccia sulla strada ma anche su quello visibile solo in parte.

In particolare, viene ricordato che il beneficio riguarda tutti i lavori effettuati sull’involucro esterno visibile dell’edificio, cioè sia sulla parte anteriore, frontale e principale, sia sugli altri lati dello stabile. Restano, invece, esclusi gli interventi effettuati sulle facciate interne, come quelle che si affacciano su cortili, giardini privati e simili, se non visibili dalla strada o da suolo ad uso pubblico.

Ora: il problema, appunto, è quanto devono essere visibili quei lati esterni dell’edificio che non si affacciano completamente sulla strada. Per eliminare qualsiasi interpretazione soggettiva, l’Agenzia adesso precisa che si ha diritto al bonus facciate anche quando la parte dello stabile interessata dai lavori è anche solo parzialmente visibile dal suolo pubblico. In questo caso, è possibile accedere alla detrazione del 90% sulle spese sostenute per gli interventi. Gli altri lavori, invece, devono essere fatturati a parte, in modo da avere la possibilità di chiedere il bonus del 50% previsto per la ristrutturazione edilizia.

L’Agenzia delle Entrate ricorda, infine, che, grazie a quanto disposto dal decreto Rilancio, è possibile fruire del bonus facciate sia con la detrazione da riportare nella dichiarazione dei redditi sia attraverso la cessione del credito o lo sconto in fattura. Ogni condomino è libero di scegliere l’opzione che ritiene più conveniente.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube