Diritto e Fisco | Articoli

Università Google: tutto quello che c’è da sapere

2 Settembre 2020 | Autore:
Università Google: tutto quello che c’è da sapere

Il colosso di Mountain View lascia dei corsi di 6 mesi con certificazione ad un costo molto basso per imparare i mestieri digitali più ricercati.

Una laurea in informatica da ottenere online in soli sei mesi al prezzo di 300 dollari, poco più di 250 euro. Mica male per chi non ha la disponibilità economica per farsi cinque anni di università e per chi ha fretta di entrare nel mondo del lavoro. La proposta, che ad alcuni sembra un po’ «marziana» ma che più di un ateneo in giro per il mondo sta prendendo in seria considerazione, arriva da Google. Il gigante di Mountain View sta per aprire una propria università in rete che consentirà di acquisire le conoscenze per svolgere un mestiere nel settore digitale. Insomma, più che una laurea breve, una «laurea lampo». Anche se quel pezzo di carta (da scaricare e stampare, ovviamente) non avrà un valore legale. Ma se ciò che si impara e che si può dare ad un’azienda è ciò che conta, ecco sull’università di Google tutto quello che c’è da sapere.

Università di Google: che cos’è?

Una facoltà senza una sede fissa. Dei professori senza una cattedra. Una laurea senza valore legale. Solo un visionario potrebbe creare un progetto del genere per dare ai giovani le conoscenze necessarie ad entrare nel mondo del lavoro con competenza e alle aziende una platea di possibili nuovi dipendenti tra cui selezionare i più preparati.

Google sta per farlo attraverso una sua università virtuale. L’intenzione è quella di perfezionare l’attività di e-learning che già sta svolgendo con corsi di 8-12 mesi tenuti dai suoi dipendenti sulla piattaforma Coursera di Stanford University. Big G vuole accorciare i tempi, limitandoli a sei mesi di frequenza online e ad un costo massimo di 300 dollari.

L’iniziativa consiste in una serie di corsi basati sui Google Career Certificates, cioè una sorta di «carriera certificata» a marchio Google per chi vuole ottenere un attestato (chiamiamolo pure laurea) nelle professioni più richieste del mercato del lavoro digitale: dall’avvio di un’attività online al modo di finanziarla attraverso la pubblicità, dalla programmazione alla comunicazione aziendale fino all’analisi del traffico di un sito web.

I corsi intensivi, naturalmente, vengono tenuti a distanza. Google promette di fare, successivamente, delle verifiche controllate delle capacità acquisite. Dopodiché, verrà rilasciato il certificato.

Google università: è conveniente?

A prima vista, frequentare l’università di Google ha il vantaggio di avere delle conoscenze certificate da una delle principali multinazionali al mondo in campo digitale, il che – laurea o non laurea – può essere un ottimo biglietto da visita per chi cerca un lavoro nel settore.

Inoltre, l’offerta dell’azienda di Montain View arriva in un momento in cui la didattica a distanza viene vista come un valido complemento a quella in presenza, come ha dimostrato il periodo del coronavirus. Tant’è che alcuni atenei americani guardano con estremo interesse la proposta di Google e avrebbero avviato già dei contatti con Big G per inserire nei loro programmi didattici i corsi rapidi proposti dal colosso statunitense, ad esempio attraverso seminari e lezioni integrative.

Ci sono, poi, alcuni vantaggi di tipo pratico facilmente intuibili. Innanzitutto, il costo estremamente ridotto dei corsi. E il fatto che, potendo frequentarli da casa, si risparmiano tempo e denaro negli spostamenti. Benefici per gli studenti che preoccupano, però, le facoltà, timorose di perde iscrizioni e, quindi, soldi.

Resta, comunque, un retrogusto dal sapore dubbio. Molti giovani si stanno chiedendo come si possano concentrare in sei mesi gli insegnamenti che normalmente vengono assimilati in qualche anno. Insomma, ne vale la pena o è una grossa operazione di marketing con dei risultati non esaltanti da un punto di vista dell’apprendimento? Lo dirà il tempo. Che farà anche sapere se i giovani che hanno frequentato questa sorta di università del futuro avranno trovato così facilmente un lavoro, senza doverlo cercare per forza facendo una ricerca su Google.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube