Diritto e Fisco | Articoli

Vietato registrare i colleghi di lavoro per provare il mobbing

22 Novembre 2013
Vietato registrare i colleghi di lavoro per provare il mobbing

Licenziato il lavoratore che registra di nascosto le conversazioni dei colleghi per dimostrare il mobbing: tale condotta fa venir meno il rapporto di fiducia con il datore di lavoro.

Non si possono registrare di nascosto le conversazioni private dei propri colleghi, avvenute sul luogo di lavoro: neanche se ciò è necessario, al dipendente, per procurarsi le prove di un mobbing ai sui danni.

Tale condotta – dice la Cassazione in una sentenza di ieri [1] – si deve considerare illecita perché viola il diritto di riservatezza dei lavoratori “sul luogo di lavoro”. Pertanto, in tali casi è giustificato anche il licenziamento in tronco del dipendente.

La vicenda

Un medico aveva registrato, di nascosto, frammenti di conversazione tra colleghi, avvenuta negli spogliatoi o nei locali di lavoro di comune frequentazione, in violazione del loro diritto di riservatezza, per poi utilizzarli in sede giudiziaria per supportare la denuncia di mobbing contro il primario dell’ospedale.

Violare la riservatezza del luogo di lavoro è una condotta illecita – argomenta la Suprema Corte – che vale a ledere il legame fiduciario tra datore e lavoratore. E ciò anche se serve per l’esercizio di un diritto come quello relativo alla denuncia per mobbing nei confronti del “capo”.


note

[1] Cass. sent. n. 26143 del 21.11.2013.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

7 Commenti

  1. la corte suprema non capisce un emerito cxxxo….. se uno è vittima di mobbing la registrazione è la prova più attendibile….qjuesti pensano alla riservatezza dei lavoratori? spettegolare e urlare contro una persona non è lavoro è non avere niente da fare

    1. Vorrei capire come si fa ha dimostrare che un datore ti ha umiliato Se i colleghi non testimoniano x paura di perdere il posto di lavoro? Se è punibile chi registra, perché non è punibile chi umilia?

  2. Bisogna capire se le registrazioni erano con il registrante presente o meno. Se era presente la persona che partecipava alla conversazione, la legge dice che è lecito in quanto non sono intercettazioni ambientali, viceversa sarebbero delle intercettazioni, che ad oggi sono illegali se non autorizzate dall’autorità competente.

  3. Sembrerebbe siano vietate solamente le registrazioni TRA i colleghi e non quelle con i colleghi, cioè quelle dove era presente colui che registrava… Infatti:

    REGISTRABILE IL COLLOQUIO CON IL CAPO

    Cassazione, sentenza n. 27424/2014

  4. Salve a tutti e se il nostro capo di lavoro ti registra in ufficio la telefonata intercorsa tra TE e LUI come ci si comporta se tu gli hai inveito qualche parolaccia,(pero’ non minacce) e lui ti cita in tribunale?cosa dice la corte di cassazione? Non puo’ registrare il capo o è autorizzato?se si?come?la legge sulla privacy dove sta?Fatemi sapere qualcosa grazie a tutti.

  5. Il mobbing va provato.ok.Trovare testimonianze in una ditta in crisi, è praticamente impossibile!se Perpetrato da tantissimi anni, c’è un isolamento che ha dell’incredibile.se registrare non si può,come si prova?si parla di giustizia e simili, sul posto di lavoro…. Ma poi la realtà?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube