Diritto e Fisco | Articoli

Sorpasso contromano: cosa si rischia?

7 Settembre 2020 | Autore:
Sorpasso contromano: cosa si rischia?

Secondo la Cassazione, chi compie una manovra del genere commette due infrazioni: la guida in direzione opposta e la violazione della segnaletica orizzontale.

C’è chi lo fa. Forse perché non sa a che cosa va incontro. O perché, pieno di sé, sopravvaluta la fortuna pensando che non troverà mai una paletta della Polizia a fermarlo o una telecamera a tradirlo. E, invece, chi fa un sorpasso contromano non commette un’infrazione ma ben due con una sola manovra: invade la corsia opposta e supera la striscia longitudinale, violando la segnaletica stradale. Quindi, quando presi dal troppo entusiasmo e da una buona dose di follia si fa un sorpasso contromano, cosa si rischia?

Lo ha spiegato la Cassazione con un’ordinanza in cui, appunto, parla della doppia infrazione. Quello che, probabilmente, all’automobilista non è chiaro è che quando supera un’altra auto in un tratto di strada dove c’è la striscia continua, entrando (illecitamente) nell’altra corsia è come se stesse guidando contromano, anche se procede nella stessa direzione in cui andava quando era nella corsia di destra. Ecco dove sono, secondo la Suprema Corte, le due violazioni al Codice della strada. E al conducente toccherà pagare. Cosa si rischia? Vediamo.

Sorpasso contromano: quando si verifica?

L’abbiamo appena accennato. Di solito la parola «contromano» induce a pensare alla guida nella direzione opposta a quella giusta in una via a senso unico. Oppure a chi si immette in autostrada sulla carreggiata Nord per andare a Sud, o viceversa.

In parte è così, certamente. Ma si ritiene che un automobilista guidi contromano anche quando occupa una corsia delimitata dalla striscia longitudinale continua e riservata a chi arriva in senso contrario. Strade così si trovano spesso in città ma anche in aperta campagna, quando la scarsa visibilità non consente di superare la macchina che si trova davanti, oppure vicino agli incroci o ai semafori o in altri punti in cui si ritiene che non ci si possa spostare da destra a sinistra.

È in uno di questi tratti dove si può verificare il sorpasso contromano, cioè quando il conducente, anziché restare nella corsia di destra, compie la manovra superando la striscia continua e circolando sulla corsia riservata a chi arriva di fronte.

Sorpasso contromano: la doppia infrazione

La Cassazione, nella sua recente ordinanza [1], tiene a precisare proprio questo: chi supera un’altra auto attraversando la striscia continua ed occupando la corsia di sinistra sta commettendo così una doppia infrazione con una sola manovra, cioè con il sorpasso contromano.

Sorpasso contromano: quali sanzioni?

Chiarito il concetto, cosa si rischia per fare un sorpasso contromano? Essendoci una doppia infrazione, bisogna vedere cosa prevedono i due articoli del Codice della Strada che sono stati violati-

L’articolo 143 è quello che riguarda la giusta posizione del veicolo sulla carreggiata. La norma impone la circolazione a destra «e in prossimità del margine destro della medesima, anche quando la strada è libera». A tal proposito, il Codice sancisce che «chiunque circola contromano è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 162 a euro 646». A ciò si aggiunge la decurtazione di 4 punti dalla patente.

Non solo: «Chiunque circola contromano in corrispondenza delle curve, dei raccordi convessi o in ogni altro caso di limitata visibilità, ovvero percorre la carreggiata contromano, quando la strada sia divisa in più carreggiate separate, è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 318 a euro 1.272. Dalla violazione prevista dal presente comma – conclude l’articolo del Codice della strada – consegue la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente da uno a tre mesi. In casi di recidiva la sospensione è da due a sei mesi». Anche qui è prevista la decurtazione dei punti dalla patente: 10, questa volta.

E questo per la prima infrazione, cioè quella di andare contromano per avere invaso l’altra corsia. C’è, poi, come si diceva, la seconda violazione al Codice, cioè quella alla segnaletica stradale per superare la linea longitudinale continua. Ne parla l’articolo 146 in questi termini: «Chiunque non osserva i comportamenti indicati dalla segnaletica stradale o nelle relative norme di regolamento, ovvero dagli agenti del traffico, è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 41 a euro 168». Più la decurtazione di 2 punti dalla patente.

A parere dei giudici supremi, però, le due violazioni restano autonome e si potrebbe applicare la sanzione prevista per l’infrazione più grave, quindi quella per la guida contromano.


note

[1] Cass. ordinanza n. 18493/2020 del 04.09.2020.

Immagine dal film di Dino Risi «Il sorpasso».


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube