Donna e famiglia | Articoli

Spese per figli non concordate tra gli ex: c’è il rimborso?

5 Novembre 2020
Spese per figli non concordate tra gli ex: c’è il rimborso?

Le spese straordinarie devono essere rimborsate anche se non preventivamente concordate, purché rispondano all’interesse del minore.

Tu e tua moglie vi siete separati perché da tempo non andavate più d’accordo. Qualsiasi cosa era un pretesto per litigare, ora invece i rapporti sono più sereni e perlomeno riuscite a parlare come due persone civili. Il giudice ha stabilito l’affidamento condiviso di vostro figlio con collocamento prevalente presso la mamma. Questo vuol dire che riesci a vedere il tuo bambino due volte a settimana ed a tenerlo presso di te due weekend al mese. Insomma, non puoi lamentarti.

In questo articolo, faremo il punto della situazione sulle spese per i figli non concordate dagli ex: c’è il rimborso? Cosa dice la legge in proposito? Devi sapere che l’assegno di mantenimento che il genitore corrisponde periodicamente all’altro per le esigenze dei figli copre solamente le spese ordinarie, cioè quelle necessarie per il vitto, l’alloggio, il vestiario, ecc. Non sono ricomprese le spese straordinarie che, invece, servono per far fronte ad eventi imprevedibili ed eccezionali, come ad esempio un intervento chirurgico oppure un viaggio-studio in un paese estero. Tali spese devono essere ripartite tra i genitori al 50% purché preventivamente concordate.

La giurisprudenza, però, ha stabilito di recente che possono essere rimborsate anche le spese straordinarie che non incontrano il consenso dell’altro genitore, a condizione che rispondano all’interesse del minore e siano compatibili con le condizioni economiche della famiglia. Ma cerchiamo di fare un po’ di chiarezza sulla questione.

Quando è previsto il mantenimento dei figli?

Prima di analizzare il tema nel dettaglio, cerchiamo di inquadrare per bene l’argomento partendo dal mantenimento dei figli.

Sicuramente, saprai che quando una coppia, sposata o convivente, si separa è necessario regolamentare alcuni aspetti, come ad esempio l’assegnazione della casa familiare, l’affidamento della prole, ecc. A scanso di equivoci, ti dico subito che ciascun coniuge è tenuto al mantenimento dei figli, in misura proporzionale al proprio reddito, fino alla loro indipendenza economica. Se i genitori non riescono a raggiungere un’intesa, allora è necessario rivolgersi al giudice affinché decida in merito.

Solitamente, il genitore più forte sul lato economico deve corrispondere all’altro un assegno mensile per provvedere alle esigenze dei figli. Tale contributo viene calcolato tenendo conto di alcuni fattori, in particolare le esigenze del minore e il tenore di vita a cui era abituato durante la convivenza con mamma e papà. Ovviamente, il contributo sarà parametrato in base alle risorse economiche del genitore obbligato.

Mantenimento figli: quali spese sono comprese?

Nell’assegno di mantenimento a favore dei figli sono comprese solo le spese ordinarie, cioè quelle destinate a soddisfare i bisogni quotidiani come, ad esempio, l’abbigliamento, il cibo, il trasporto urbano, la babysitter (se prevista prima della separazione), la cancelleria scolastica, i medicinali da banco, ecc.

Non sono, invece, comprese le spese straordinarie, cioè quelle legate ad esigenze imprevedibili ed eccezionali dei figli. Pensa, ad esempio, agli esborsi per una cura dentaria, un master, un motorino, uno sport a livello agonistico, ecc. Nella prassi, le spese straordinarie vengono ripartite tra i genitori, solitamente al 50%. Ti faccio un esempio che ti aiuti a capire meglio quest’ultimo concetto.

Tizio corrisponde all’ex moglie Caia un assegno mensile per il mantenimento del loro figlioletto Sempronio di sette anni. A seguito di una visita oculistica, il medico prescrive al bambino l’uso degli occhiali da vista.

Nell’esempio che ti ho riportato, la spesa relativa agli occhiali da vista di Sempronio si configura come straordinaria, pertanto va suddivisa a metà tra Tizio e Caia.

Spese per figli non concordate tra gli ex: c’è il rimborso?

Fin qui abbiamo detto che le spese straordinarie sono tutte quelle necessarie per far fronte ad eventi imprevedibili ed eccezionali e che devono essere preventivamente concordate. Quindi, il genitore sul quale grava il pagamento deve prima informare l’altro per iscritto. In mancanza di risposta, la spesa si considera accettata e, di conseguenza, dovrà essere rimborsata (al 50%). Chi non intende pagare deve motivare il proprio dissenso, sempre per iscritto, entro 20 giorni dal ricevimento della richiesta. Ovviamente, il rimborso è subordinato alla prova degli esborsi effettivamente sostenuti (quindi, sono necessari gli scontrini, le ricevute, ecc.).

La Cassazione [1], tuttavia, è intervenuta di recente sulla questione ed ha precisato che il genitore collocatario o affidatario del minore può farsi rimborsare anche le spese straordinarie per le quali l’altro non era d’accordo. Il rimborso, però, è ammesso a patto che non si tratti di spese voluttuarie, ma che rispondano agli interessi del figlio e siano compatibili con le condizioni della famiglia. Se l’altro genitore poi si rifiuta di contribuire, allora toccherà al giudice verificare l’utilità degli esborsi.

Spese per i figli: cosa fare se il genitore non paga?

Abbiamo detto che mentre le spese ordinarie sono coperte dall’assegno di mantenimento, quelle straordinarie vanno sostenute di volta in volta in base alle esigenze del minore. Se l’altro genitore non intende pagare deve esprimere subito un valido dissenso, altrimenti sarà il giudice a dirimere la questione.

In ogni caso, se un genitore è inadempiente anche laddove la spesa sia documentata e si configuri come necessaria, è necessario chiedere al tribunale l’emanazione di un decreto ingiuntivo. Se però il coniuge è stato condannato dal giudice a corrispondere l’assegno di mantenimento per il figlio, tale provvedimento è un titolo esecutivo e come tale autorizza l’altra parte a notificargli il precetto. Qualora continui l’inadempimento, non resta che avviare il pignoramento.


note

[1] Cass. sent. n. 707/2020 del 13.08.2020.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube