Covid: malattia riconosciuta anche in attesa di tampone

4 Settembre 2020 | Autore:
Covid: malattia riconosciuta anche in attesa di tampone

Chi deve ancora avere il risultato del test e chi deve stare in quarantena perché positivo non può lavorare nemmeno in smart working. Anche se asintomatico.

Il lavoratore che è in attesa di effettuare il tampone per verificare se ha contratto il Covid non può lavorare e, quindi, ha diritto alla malattia. Allo stesso modo, chi è asintomatico e, dopo aver fatto il test, viene trovato positivo, deve restare in quarantena e non può svolgere la sua attività nemmeno in smart working: anche per lui scatta la malattia. Anche se non ha alcun sintomo.

Sono le ultime precisazioni che arrivano in un momento in cui, con il rientro dalle ferie, si può registrare una vera e propria voragine negli uffici pubblici e privati, comprese le scuole.

Di fronte ad alcune richieste di chiarimenti dopo il messaggio Inps del 7 agosto scorso e tenendo presente quanto stabilito dai decreti Cura Italia e Rilancio (già convertiti in legge), il parere generale è che spetti la malattia in entrambi i casi, cioè quando il tampone non è stato ancora effettuato e quando il lavoratore debba restare a casa in quarantena perché positivo. Un parere esposto in questa direzione e senza mezzi termini da Assolombarda, così come dall’avvocato milanese Cesare Pozzoli, dello studio legale Chiello-Pozzoli: «Il decreto Agosto – commenta l’avvocato – ha stabilito che le persone di ritorno da vacanze in zone a rischio debbano stare in isolamento in attesa del tampone. Bene, anche questo isolamento è equiparato alla malattia quindi implica il divieto di lavorare». Nemmeno in smart working? Nemmeno, perché un positivo non può fare nulla se non stare in quarantena. «Forse – suggerisce Pozzoli – si potrebbe valutare la possibilità di fare lavorare in smart working gli asintomatici quando c’è il consenso del lavoratore».



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube