Conte: “Non siamo più di fronte all’esplosione della pandemia”

5 Settembre 2020
Conte: “Non siamo più di fronte all’esplosione della pandemia”

Roma, 5 set. (Adnkronos) – ”I nuovi contagi” registrati in questi giorni sono dovuti a ”distrazioni agostane”, ma risultano un numero inferiore di altri Paesi. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte a Cernobbio. ”Ne siamo usciti soprattutto grazie ai cittadini e non è piaggeria. L’Italia si è dimostrata molto disciplinata” nel gestire l’emergenza . ”I numeri del contagio continuano ad essere non trascurabili, ma non siamo più di fronte all’esplosione della pandemia”. ”Non ci sarà più un lockdown generalizzato” promette il premier. “Dissi ai miei ministri subito che l’emergenza che si prospettava in primis sanitaria si sarebbe tramutata in un attimo dopo in emergenza economica e sociale. Se proprio devo dirla tutta, davanti all’emergenza sanitaria, mi ha preoccupato molto quella economica e anche la tenuta sociale del sistema”. I “numeri del contagio restano non trascurabili ma oggi conosciamo l’insidia, ci siamo strutturati con un sistema di monitoraggio che ci permetterà ragionevolmente di intervenire in modo mirato e territorialmente circoscritto. Abbiamo affrontato una gravissima e pesantissima emergenza sanitaria che si è subito tramutata in emergenza economica. Non sapevamo in termini di ordine pubblico cosa sarebbe successo. E’ stata una sfida che ha sollecitato il nostro sistema a complesse risposte e la tenuta dell’ordine pubblico ha sempre pesato sulle nostre valutazioni”.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube