Diritto e Fisco | Articoli

Certificati dell’ufficio anagrafe: quanto costano?

25 Novembre 2013 | Autore:
Certificati dell’ufficio anagrafe: quanto costano?

Per un certificato di residenza ho pagato all’ufficio anagrafe 16,52 euro,  ma qualcuno mi ha detto di aver speso solo 26 centesimi. Com’è possibile?

 

I certificati domandati all’ufficio anagrafe, di regola, devono essere rilasciati all’utente “in bollo”; ciò vuol dire applicare sul documento una marca da bollo da 16 euro e pagare allo sportello ticket 52 centesimi di diritti di segreteria, per una spesa totale di 16,52 euro.

Ci sono, tuttavia, delle ipotesi espressamente previste dalla legge, che si riportano in nota [1], nelle quali il cittadino non deve pagare il bollo. In tali casi egli può richiedere il certificato in carta semplice, versando solo 26 centesimi per diritti di segreteria (ma ci sono anche dei casi in cui non è dovuta neppure questa somma). Ciò vale, ad esempio, per:

– certificati rilasciati nell’ambito di pratiche per l’adozione e l’affidamento di minori;

– certificati occorrenti per la iscrizione nelle liste di collocamento;

– certificati occorrenti per la liquidazione e il pagamento di pensioni, indennità di liquidazione, assegni familiari;

– certificati occorrenti per le pratiche relative ad assicurazioni sociali obbligatorie (INPS);

– certificati rilasciati per l’iscrizione, la frequenza e gli esami nella scuola dell’infanzia, scuola materna, e scuola dell’obbligo, per l’ottenimento di borse di studio e la riduzione delle tasse scolastiche;

– certificati da produrre per la partecipazione a pubblici concorsi e graduatorie;

– certificati rilasciati per pratiche di scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio.

Spetta comunque al cittadino specificare l’uso cui il certificato è destinato e le relative norme che stabiliscono l’esenzione dal bollo, in quanto l’agevolazione non può essere presunta dall’operatore dell’ufficio anagrafe.

Alla classica richiesta dei certificati allo sportello comunale o tramite posta, si affianca la richiesta online. I certificati ottenuti per via telematica sono totalmente gratuiti ma, qualora siano destinati a un uso per cui è necessaria la marca da bollo, è necessario apporla comunque, ricordandosi di annullarla sovrascrivendo la data e la propria firma.

Inoltre, nei rapporti con le amministrazioni pubbliche e i gestori di pubblici servizi, il cittadino può utilizzare l’autocertificazione, una dichiarazione sottoscritta dall’interessato che sostituisce i normali certificati [2]. Il vantaggio è la totale gratuità dell’operazione.


Ecco le principali esenzioni.

campo 1: Uso
campo 2: Riferimento normativo
campo 3: Imposta di bollo
campo 4: Diritti di segreteria

Certificati rilasciati per l’esercizio dei diritti all’elettorato attivo e passivo (presentazione liste, accettazione candidature, ecc.).
DPR 642/72 Tab. B art. 1
ESENTE
ESENTE

Certificati rilasciati per la formazione degli elenchi dei giudici popolari e per la leva militare.
DPR 642/72 Tab.  B art. 2
ESENTE
ESENTE

Certificati da produrre, anche dall’imputato, nell’ambito di procedimenti penali e disciplinari.
DPR 642/72 Tab.  B art. 3
ESENTE
€ 0,26

Certificati da produrre ai competenti uffici ai fini dell’applicazione delle leggi tributarie.
DPR 642/72 Tab.  B art. 5
ESENTE
€ 0,26

Certificati da produrre nell’ambito di un procedimento esecutivo per la riscossione dei tributi, dei contributi e delle entrate extratributarie dello Stato, delle Regioni, delle Province e dei Comuni.
DPR 642/72 Tab.  B art. 5
ESENTE
€ 0,26

Certificati rilasciati nell’interesse dei non abbienti per ottenere sussidi.
DPR 642/72 Tab.  B art. 8
ESENTE
ESENTE

Certificati richiesti da società sportive su disposizione delle relative federazioni e di enti ed associazioni di promozione sportiva di appartenenza.
DPR 642/72 Tab.  B art. 8bis
ESENTE
€ 0,26

Certificati occorrenti per le pratiche relative ad assicurazioni sociali obbligatorie (INPS).
DPR 642/72 Tab.  B art. 9
ESENTE
ESENTE

Certificati occorrenti per la liquidazione e il pagamento di pensioni, indennità di liquidazione, assegni familiari.
DPR 642/72 Tab.  B art. 9
ESENTE
€ 0,26

Certificati occorrenti per la iscrizione nelle liste di collocamento.
DPR 642/72 Tab.  B art. 9
ESENTE
€ 0,26

Certificati rilasciati per l’iscrizione, la frequenza e gli esami nella scuola dell’infanzia, scuola materna, e scuola dell’obbligo, per l’ottenimento di borse di studio e la riduzione delle tasse scolastiche.
DPR 642/72 Tab.  B art. 11
ESENTE
€ 0,26

Certificati da produrre nell’ambito di procedimenti giurisdizionali o amministrativi relativi a controversie: in materia di assicurazioni sociali obbligatorie; individuali di lavoro; in materia pensionistica; in materia di locazione di immobili urbani.
DPR 642/72 Tab.  B art. 12
ESENTE
€ 0,26

Certificati necessari per la concessione di aiuti comunitari e nazionali al settore agricolo e prestiti agrari.
DPR 642/72 Tab.  B art. 21bis
ESENTE
€ 0,26

Certificati da produrre nell’ambito delle procedure espropriative.
DPR 642/72 Tab.  B art. 22
ESENTE
€ 0,26

Certificati da produrre per il rilascio di abbonamenti del trasporto di persone (ferrovie, autobus, ecc.).
DPR 642/72 Tab.  B art. 24
ESENTE
€ 0,26

Certificati richiesti da organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS).
DPR 642/72 Tab.  B art. 27bis
ESENTE
ESENTE

Certificati da presentare per procedimenti inerenti finanziamenti al medio e lungo termine già concessi e la loro esecuzione, modificazione ed estinzione. Sono soggetti a bollo i certificati necessari per la concessione del finanziamento (Ministero delle Finanze – Risoluzione 22.07.1996 n° 159).
DPR 601/73 art. 15
ESENTE
€ 0,26

Certificati da presentare per procedimenti inerenti: il credito all’artigianato, il credito cinematograico, il credito teatrale, il credito peschereccio già concessi e la loro esecuzione, modificazione ed estinzione. Sono soggetti a bollo i certificati necessari per la concessione del finanziamento (Ministero delle Finanze – Risoluzione 29.11.1989 n° 452200).
DPR 601/73 art. 16
ESENTE
€ 0,26

Certificati da produrre nell’ambito di procedimenti relativi a pensioni di guerra.
DPR 915/78 art. 126
ESENTE
ESENTE

Certificati da produrre nell’ambito di procedimenti relativi a liquidazioni di danni di guerra.
Legge 593/81 art. 12
ESENTE
€ 0,26

Certificati rilasciati nell’ambito di pratiche per l’adozione e l’affidamento di minori.
Legge 184/83 art. 82
ESENTE
ESENTE

Certificati rilasciati per pratiche di scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio (divorzio).
Legge 74/87 art. 19
ESENTE
ESENTE

Certificati da produrre per la partecipazione a pubblici concorsi e graduatorie.
Legge 370/88 art. 1
ESENTE
€ 0,26

Certificati rilasciati per l’iscrizione, la frequenza e gli esami nella scuola secondaria.
Legge 405/90 art. 7
ESENTE
€ 0,26

Certificati rilasciati per attestare l’avvenuta variazione della toponomastica o della numerazione civica.
Legge 537/93 art. 16
ESENTE
€ 0,26

Certificati rilasciati per ottenere il rilascio o il rinnovo della carta di soggiorno per cittadini comunitari.
DPR 54/2002 art. 5
ESENTE
€ 0,26

note

[1] Tali ipotesi sono indicate in prevalenza nella tabella B del d.p.r. n. 642/72 e successive modificazioni. Abbiamo indicato le principali esenzioni nel campo “In pratica”

[2] In base al d.p.r. n. 445 del 28.12.2000.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Vorrei sapere perche richiedono il certificato di matrimonio plurilingue al VSM consolato italiano in Kiev anziche un’autocertificaazione per chi e’ residente AIRE per ottenere un visto a mia moglie che ha il permesso scaduto di 5 anni

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube